Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pellegrinaggio e bagno nel Gange: così si sono infettati padre e figlia con la variante indiana prima di tornare

Pellegrinaggio e bagno nel Gange: così si sono infettati padre e figlia con la variante indiana prima di tornare
Pellegrinaggio e bagno nel Gange: così si sono infettati padre e figlia con la variante indiana prima di tornare
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Aprile 2021, 16:20

VILLAVERLA (VICENZA) - Caso di variante indiana in Veneto: due persone sono risultate postive, risiedono nel Vicentino. Avevano partecipato al pellegrinaggio induista di Kumbh Mela e si erano immersi nel Gange come vuole la tradizione induista i due veneti, padre e figlia, risultati positivi alla variante indiana del Covid.

Vaccini, arrivano i rinforzi: consegnate quasi 10mila dosi di Moderna e AstraZeneca. Superato il mezzo milione di iniezioni

Veneto, variante indiana: i casi

Lo conferma il sindaco di Villaverla, Ruggero Gonzo, la località vicentina nella quale la famiglia da tempo risiede. I due sono rientrati dall'India il 7 aprile atterrando a Bergamo, racconta il primo cittadino, e da lì avevano preso un taxi per tornare a casa. «Poi diligentemente hanno segnalato la cosa al sito dell'Ulss 7 chiedendo di fare il tampone - racconta Gonzo -. Lo hanno fatto il 14 aprile: il padre e la figlia sono stati trovati positivi alla variante indiana mentre per la madre, asintomatica, si stanno ultimando gli accertamenti, Stanno tutti bene».

Covid, nelle Marche altri 223 nuovi positivi. Le province dove il virus è più presente /L'andamento del contagio

Il sindaco sottolinea di essere in costante contatto con la famiglia, in particolare il padre, che a Villaverla fa il meccanico. «Ci ha impressionato che fossero partiti per l'India con un tampone negativo - rileva - e siano tornati infettati dalla variante che ha contagiato mille persone in 24 ore». Gonzo ha voluto anche tranquillizzare i concittadini sulla fatto che la situazione a Villaverla sia sotto controllo. «Per fortuna il cittadino indiano ha seguito le nostre regole sanitarie - conclude - e questo ci fa stare sereni sul fatto che la pandemia non si diffonderà». Non vi sono invece conferme ai due casi di positività che erano stati segnalati nel veneziano. L'Ulss Serenissima dice che nel territorio di competenza non vi è alcun contagio confermato ala variante indiana.

Variante indiana: un contagio in famiglia

Le due persone che presentano la variante indiana del Coronavirus «sono state messe subito in quarantena, secondo la legge e non hanno trasmesso infezione alla famiglia. Forse un loro familiare è positivo, ma perché convivente». Lo ha riferito ai giornalisti Antonia Ricci, direttrice dell'Istituto Zooprofilattico delle Venezia. «C'è un collegamento diretto con l'India - ha aggiunto Ricci - il che vuol dire che non è un'infezione autoctona ma che viene da qualcuno che rientra da quei Paesi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA