Coronavirus, l'Oms avverte: «L'epidemia sta accelerando, l'apice non è stato ancora raggiunto»

Martedì 7 Luglio 2020
Coronavirus, l'Oms avverte: «L'epidemia sta accelerando, l'apice non è stato ancora raggiunto»

«L'epidemia sta accelerando e chiaramente non abbiamo raggiunto l'apice della pandemia». Ad affermarlo il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra. «Ci sono volute 12 settimane - ha proseguito - perché il mondo raggiungesse 400.000 casi di Covid-19. Ma ora, solo durante l'ultimo fine settimana, ci sono stati più di 400.000 casi in tutto il mondo. In tutto contiamo 11,4 milioni di casi e oltre 535.000 vite perse. Anche se il numero di morti sembra essersi stabilizzato a livello globale, alcuni paesi hanno fatto progressi significativi nella riduzione del numero di decessi, mentre in altri paesi questi sono ancora in aumento. Laddove si sono registrati progressi, i paesi hanno attuato azioni mirate nei confronti dei gruppi più vulnerabili, ad esempio le persone che vivono in strutture di assistenza a lungo termine». 

LEGGI ANCHE:
Michel è confuso davanti ai magistrati, ma le figlie di Fiorella hanno paura: «Può farlo di nuovo»

Pesaro, tornano a casa e vedono i ladri scappare dalla finestra: fine lockdown e torna l'allarme furti

Oms, a breve esperti in Cina. «Negli ultimi mesi si è discusso molto sulle origini di Covid-19. Tutti i preparativi sono stati finalizzati e gli esperti dell'Oms viaggeranno verso la Cina sul prossimo volo disponibile per preparare piani scientifici con le loro controparti cinesi in grado di identificare la fonte zoonotica del virus». Lo annuncia il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra. «L'obiettivo della missione - ha precisato - è avanzare nelle conoscenze sugli ospiti di animali del coronavirus e accertare come la malattia sia passata dagli animali all'uomo. L'Oms continuerà a comunicare i più recenti progressi scientifici ai media e al pubblico in generale. In questo senso, l'Oms continua a lavorare con le aziende come Facebook e Google per assicurarsi che le persone abbiano accesso a informazioni e risorse sanitarie accurate su Covid-19».

Ultimo aggiornamento: 18:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA