Isolamento forzato per il Coronavirus: boom dei portali per i tradimenti online

Giovedì 26 Marzo 2020
Isolamento forzato per il Coronavirus: boom dei portali per i tradimenti online

Isolamento da Coronavirus: è boom dei tradimenti online. Gli inglesi lo chiamano “cabin fever”, ovvero quel senso di irritabilità e irrequietezza claustrofobica vissuta quando un individuo, o un gruppo di persone, si ritrova isolato e confinato in uno spazio ristretto per un lungo periodo di tempo. 

LEGGI ANCHE:
Ascoli, il Gruppo Gabrielli non si ferma: «Aiuti agli ospedali piceni e alla Croce Verde»

Ancona, due nuovi ospedali Covid-19 per le Marche: uno al Palaindoor e l'altro realizzato in 3 giorni dai cinesi

Da quando è iniziato l’isolamento obbligatorio in tutta Italia lo scorso 11 marzo, il sito di incontri extraconiugali Gleeden, la più grande community di infedeli d’Europa con oltre 6.6 milioni di iscritti, ha visto le proprie iscrizioni triplicarsi e il traffico giornaliero sul sito aumentare del +300%.
In particolare nelle “zone rosse”, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, in quarantena già dello scorso 4 marzo: un aumento repentino del numero di iscrizioni era già stato monitorato all’inizio del mese, ma è stato nelle ultime due settimane che il sito ha visto le proprie iscrizioni aumentare del +150%, tre volte di più rispetto al mese precedente. Il motivo più plausibile? L’isolamento forzato con mariti e mogli, che porta gli italiani a sfogarsi online sull’app di dating più discreta sul mercato.
Conversazioni due volte più lunghe, tempo medio sul sito di oltre 3 ore al giorno (rispetto alle 2 ore registrate mediamente in Italia), aumento del numero di upload di foto personali negli album privati e di utenti che hanno aggiornato il loro profilo, sono solo alcuni dei cambiamenti più significativi che il team di Gleeden sta registrando nelle ultime due settimane. Ma anche il passaggio delle connessioni dal sito in versione desktop all’app per smartphone, che garantisce agli utenti un livello in più di discrezione adesso che sono costretti a dividere 24 ore su 24 lo spazio con il/la partner.
La convivenza forzata, infatti, non aiuta certamente la coppia, come dimostra il boom di separazioni registrato in Cina dopo 2 mesi di quarantena obbligatoria. L’Italia invece, dove l’infedeltà è sempre stata la strada più praticata, non sembra fare eccezione nemmeno in questa situazione: sono sempre di più le persone sposate che trovano oggi sfogo in un flirt online, visto che quelli di persona non sono più possibili.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA