Discoteche aperte in Sardegna e contagi Covid, la Procura apre un'inchiesta dopo le rivelazioni choc di Report

Martedì 10 Novembre 2020
Discoteche aperte in Sardegna e contagi Covid, la Procura apre un'inchiesta dopo le rivelazioni choc di Report

Lo scorso agosto fece scalpore il numero di contagiati provenienti dalla Sardegna e la stessa apertura delle discoteche estive in Costa Smeralda: dopo un servizio andato in onda ieri su Report (Raitre), la Procura di Cagliari ha aperto un'inchiesta per epidemia colposa. Secondo il servizio l'apertura estiva delle discoteche avrebbe favorito la diffusione del Covid prima nell'Isola e poi in varie regioni italiane.

LEGGI ANCHE: Campania a rischio zona rossa, oggi la decisione. L'ordine dei medici: «A Napoli serve lockdown di due settimane»

 

I magistrati vogliono capire se la Regione abbia consentito l'apertura dei locali della Costa Smeralda nonostante fosse a conoscenza dei rischi. La procuratrice Maria Alessandra Pelagatti ha affidato l'indagine all'aggiunto Paolo De Angelis, che guida il gruppo specializzato in colpe mediche composto dai sostituti Guido Pani, Daniele Caria e Diana Lecca. Nell'immediato gli investigatori della Procura si concentreranno sul parere del Comitato tecnico scientifico che risulta allegato alla decisione del governatore Solinas.

LEGGI ANCHE: Regioni rosse, arancioni e gialle: tutte le multe per chi viola i divieti

 

Nel servizio di Report vari consiglieri regionali di maggioranza e opposizione hanno fatto riferimento a quel documento, ma dichiarando di non averlo mai visto. Lo stesso conduttore Sigfrido Ranucci ha rimarcato la stranezza del fatto che nessuno avesse visto quell'atto, ipotizzando che gli esperti della task force regionale possano non aver autorizzato la riapertura e sollevando il dubbio sull'esistenza stessa del documento. Un dubbio che, a quanto pare, anche la Procura di Cagliari ha deciso di fugare.

CAPOGRUPPO FORZA ITALIA: "ABBIAMO RISCHIATO..." «Non si trattava di tenere aperte le discoteche fino al 31 agosto, perché così avremmo 'ammazzato' la Sardegna, considerato che il contagio iniziava a crescere. Solo uno o due giorni. Abbiamo rischiato», le parole di Angelo Cocciu, capogruppo di Forza Italia nel Consiglio regionale sardo, contenute nell'intervista andata in onda ieri sera su Raitre. Si parlava del periodo a ridosso di Ferragosto, quando in Sardegna si è registrata un'impennata di nuovi casi di Covid-19. In una seduta dell'Aula dell'11 agosto, Cocciu aveva detto: «ci sono attività che hanno anche 200 dipendenti e locali che hanno investito molto».

Ai microfoni di Report, ricordando le giornate precedenti all'ordinanza che teneva aperte le discoteche, l'esponente della maggioranza in Regione spiega: «mi sono arrivate tante telefonate, Billionaire e Phi Beach avevano per esempio contratti stratosferici con dj importanti. In particolare il Phi beach aveva Sven Vath (dj tra i più quotati, ndr) l'11 o il 12. Così abbiamo chiesto al presidente qualche giorno di apertura in più». Al 7 agosto risale anche il dpcm che chiudeva le discoteche ma che lasciava libere le Regioni di agire diversamente. E l'11 sera il governatore Christian Solinas adotta un'ordinanza che le tiene aperte, valida sino al 31, per poi revocarla, però, con un provvedimento del 16 in cui si sospendono tutte le attività del ballo.

CAPPELLACCI LO SCONFESSA E mentre su Facebook girano le foto di una scritta apparsa davanti alla sede della presidenza della Regione in viale Trento in cui si denuncia «Avete preferito il Billionaire alla nostra salute», interviene il deputato e coordinatore di Forza Italia in Sardegna, Ugo Cappellacci, per chiarire che le parole del consigliere Cocciu alla trasmissione Report «sono da intendersi del tutto a titolo personale e non rispondenti al procedimento seguito». «Il percorso politico-amministrativo seguito alle ordinanze - spiega - è sempre stato accompagnato dai pareri del comitato tecnico-scientifico, mai dalla valutazione di interessi contrapposti e tantomeno dalla preferenza per quello economico di terzi rispetto al diritto alla salute dei cittadini». «Non si comprende pertanto il senso delle affermazioni di Cocciu, che non corrispondono in nessun modo al punto di vista del partito, degli assessori e dei consiglieri regionali di Forza Italia»

Ultimo aggiornamento: 16:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA