Parrucchieri e centri estetici, si riapre in anticipo: la decisione della regione Emilia Romagna. Cosa succede nelle Marche

Parrucchieri e centri estetici, si riapre in anticipo: la decisione delle regioni. Cosa succede nelle Marche
Parrucchieri e centri estetici, si riapre in anticipo: la decisione delle regioni. Cosa succede nelle Marche
3 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Maggio 2020, 09:07 - Ultimo aggiornamento: 09:49

Apertura prima dell'1 giugno di parrucchieri ed estetisti? Lo chiedono in tanti e le regioni si stanno muovendo concretamente per la fase 2. Ad aprire lo spiraglio in particolare è l’assessore regionale al Lavoro dell'Emilia Romagna, Vicenzo Colla, che ha definito con le associazioni di categoria le regole per la riapertura anticipata rispetto al decreto governativo. Ma anche altre regioni stanno studiando piani di riaperture anticipate con il pieno rispetto delle nuove regole di sicurezza, già nella seconda metà del mese di maggio come richiesto a più riprese dalle associazioni di categoria.

LEGGI ANCHE: Ceriscioli: «Sperimentiamo il nostro protocollo. Se funziona tagliamo i tempi e i capelli». Obiettivo ripartire prima: forse metà maggio

 

IL PIANO IN ARRIVO
"Una volta assicurate tutte le procedure indispensabili per evitare il contagio e verificato uno stabile trend della curva epidemica a seguito delle aperture del 4 maggio - spiega Colla al Resto del Carlino - si prenderà in considerazione anche un'anticipazione della ripresa di queste attività rispetto alle date previste”. In Emilia Romagna il comparto acconciatura ed estetica conta 12.000 imprese, di cui quasi il 90% artigiane, che occupano oltre 23.000 addetti. Un piano che potrebbe essere adottato anche da altre regioni italiane.



Parrucchieri, la protesta incatenati a Padova

LE NUOVE REGOLE
- Svolgimento dell’attività esclusivamente su appuntamento (telefono, mail oppure app)
- Presenza di un solo cliente per volta in area reception, spogliatoi, servizi igienici
- Permanenza dei clienti all’interno dei locali limitatamente al tempo strettamente indispensabile per l’erogazione del servizio-trattamento
- Adozione (per le imprese maggiormente strutturate) di orari flessibili con turnazione dei dipendenti
- Delimitazione degli spazi con applicazione sul pavimento di scotch di colore ben visibile
- Utilizzo di postazioni alternate si anella zona del lavaggio che nelle zone trattamenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA