Coronavirus, tre detenuti morti nel carcere di Modena dopo la rivolta per la paura del contagio

Lunedì 9 Marzo 2020

Sono tre i detenuti deceduti nel carcere di Modena: lo si apprende da fonti dell'amministrazione penitenziaria, secondo cui allo stato non è risultato alcun segno di lesione sui corpi. Due decessi, infatti, sarebbero riconducibili all'uso di stupefacenti, mentre il terzo detenuto è stato rinvenuto in stato cianotico, di cui sono si conoscono le cause.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, il contagio corre nelle Marche: i positivi sono saliti a 323 da 272. /La mappa aggiornata in tempo reale

Le tre morti non sarebbero direttamente riconducibili alla rivolta nel carcere, precisano le fonti, anche se gli accertamenti sono appena cominciati e sono tuttora in corso. Anche per quanto riguarda le cause dei decessi, le verifiche sono in fase preliminare ed avrebbero evidenziato che uno dei tre è morto per abuso di sostanze oppioidi, l'altro di benzodiazepine, mentre il terzo è stato rinvenuto cianotico, ma non si conosce il motivo di questo stato.

Ultimo aggiornamento: 11:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA