Coronavirus, medico in pensione muore dopo essere tornato in servizio per aiutare i colleghi

Lunedì 23 Marzo 2020
Coronavirus, medico in pensione muore dopo essere tornato in servizio per aiutare i colleghi

Era un medico in pensione Gino Fasoli, ma con l'emergenza coronavirus era voluto tornare a dare una mano, ma è morto nel farlo. In pensione da ormai 4 anni il medico era tornato a lavorare a 73 anni presso l’Istituto clinico San Rocco a Ome, vicino Brescia.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, rallenta la curva dei nuovi contagiati nelle Marche: oggi sono 148. Il totale sale a 2.569 /La mappa del contagio in tempo reale

A riportare la sua storia è Il Piccolo. Gino dopo aver lavorato per anni come  medico di famiglia a Cazzago San Martino, e dopo aver lavorato al pronto soccorso di Bornato era andato in pensione ma aveva continuato a fare volontariato  con il trasporto ammalati a Lourdes e con il sostegno a Emergency in Africa. Tutti lo descrivono come una persona buona e disponibile, per questo, quando è stato chiesto ai medici in pensione di aiutare nell'emergenza coronavirus lui ha risposto all'appello. 

Molti ambulatori erano rimasti sguarniti, visto che i medici si sono riversati negli ospedali per aiutare i colleghi, così gli era stato chiesto di fare attività ambulatoriale e lui è andato. Ma Gino, che aveva svestito la tonaca francescana per laurearsi in medicina, è stato condatagito dal virus e non è riuscito a sopravvivere. Morto dando una mano ai malati e cercando di aiutare chi ne aveva bisogno. 

Ultimo aggiornamento: 13:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento