Droplet, la distanza di sicurezza per evitare il Coronavirus: quanto misura e cosa significa

Lunedì 2 Marzo 2020 di Nico Riva
"Droplet": la distanza di sicurezza da tenere per evitare contagio da Coronavirus GAZ-VENEZIA

Dalla notte di domenica 1 marzo, la parola "droplet" ha iniziato a fare il giro dei media nazionali. Di cosa si tratta? In breve, è la distanza di sicurezza da tenere fra due persone per ridurre il rischio di contagio Coronavirus. Il premier Conte l'ha inserita nel nuovo decreto varato nella notte. 

LEGGI ANCHE:
Pesaro, positivi al Coronavirus due insegnanti di scuole medie: classi sotto osservazione

Coronavirus, c'è la prima vittima nelle Marche, una persona anziana ricoverata dal 24 febbraio con febbre. Il decesso a Fano


Il nuovo decreto uscito dal Consiglio dei Ministri stabilisce le regole per affrontare l’emergenza Covid-19, Regione per Regione. La grande novità è proprio il droplet, la «distanza di sicurezza» di un metro. Ciò deve esser reso possibile anche all'interno di luoghi aperti al pubblico come musei, istituti e luoghi di cultura, che hanno l'obbligo di evitare resse e assembramenti di persone, assicurando così «modalità di fruizione contingentata», insomma: che i visitatori rispettino la distanza di almeno un metro.

Il nome deriva dall'inglese e non è una scelta casuale.  Letteralmente significa "gocciolina": sta quindi ad indicare le gocce di saliva che mentre parliamo, tossiamo o starnutiamo, si disperdono nell'aria. Mantenendo invece una distanza di sicurezza di almeno un metro, si riduce ampiamente il rischio di farle arrivare agli altri, o riceverle noi stessi. Secondo l'infettivologo Massimo Galli dell’Università di Milano-Ospedale Sacco e e il dottor Giovanni Rezza dell’Istituto superiore di Sanità, tuttavia, un metro non sarebbe sufficiente: secondo il loro parere scientifico, la distanza da mantenere è di 1,82 metri.

Uno dei primi esempi di applicazione del criterio del “droplet” si è visto in Vaticano per gli ingressi a Piazza San Pietro per l’Angelus del Papa. I controlli sono stati effettuati uno per volta mantenendo sempre una distanza di sicurezza di almeno un metro tra le persone. Tuttavia, mettere in pratica il "droplet" non è certo un'impresa semplice, a seconda di dove ci si trova, ad esempio sui mezzi pubblici o sulla funivia. E ovviamente non è possibile controllarlo costantemente all'aperto: molto è dunque lasciato al buon senso di ogni cittadino. 

Il decreto ha inoltre confermato la sospensione delle lezioni in asili, scuole e università in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia e nelle Province di Pesaro-Urbino e Savona. Mercoledì, esclusa la provincia di Savona, le lezioni riprenderanno in Liguria. Per il Piemonte bisogna invece attendere una decisione che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni. 

Ultimo aggiornamento: 15:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche