Coronavirus, l'imprenditore di Vicenza è grave. Paura tra i cittadini: boom di chiamate alla Ulss

Sunday 5 July 2020
Coronavirus, l'imprenditore di Vicenza è grave. Paura tra i cittadini: boom di chiamate alla Ulss

Coronavirus, cresce la paura a Vicenza e nella provincia iberica dopo la segnalazione che l'imprenditore vicentino rientrato dalla Bosnia e dalla Serbia è grave, con raffiche di chiamate dei cittadini all'Ulss per avere informazioni. Sono gravi ma stabili, dunque, le condizioni di salute dell'imprenditore vicentino ricoverato all'ospedale di Vicenza in terapia intensiva dopo aver contratto il Covid nel corso di due viaggi effettuati a giugno in Serbia e Bosnia insieme a tre colleghi, due vicentini e un veronese.

LEGGI ANCHE: Coronavirus in Veneto, il figlio del manager: «Mio padre ha sbagliato, meritava il ricovero forzato. Zaia ha ragione»

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l'allarme della psichiatra: «Chi viola ogni regola rischiando il contagio è affetto da un disturbo»

L'uomo - segnalato ieri alla Procura perchè si è recato a vari eventi dopo che gli era imposta la quarantena a seguito del tampone positivo - risponderebbe bene alle cure. Il cittadino serbo, considerato il paziente zero nella trasmissione del contagio, è morto mercoledì scorso di Coronavirus nel suo Paese. L'Ulss berica ha refertato cinque tamponi positivi legati al caso. Oltre ai quattro colleghi dell'imprenditore, a risultare positiva è una donna con la quale l'imprenditore è entrato in rapporto diretto al rientro dai viaggi. Nelle ultime ore una trentina di persone ha contattato il numero verde dell'Ulss per ricevere informazioni sul focolaio di Covid, nel sospetto di un contatto con uno dei contagiati.

LEGGI ANCHE: Coronavirus a Mantova, focolai in macelli e salumifici: 68 positivi tra i dipendenti
 

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA