Coronavirus, erano in fuga dall'isolamento nel focolaio del Lodigiano: denunciate 18 persone

Lunedì 2 Marzo 2020
Coronavirus, erano in fuga dall'isolamento nel focolaio del Lodigiano: denunciate 18 persone

LODI - Diciotto persone, di cui dodici straniere, sono state denunciate per aver violato l'obbligo di restare o non accedere all'interno dell'area rossa per l'emergenza Coronavirus.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, c'è la prima vittima nelle Marche, una persona anziana ricoverata dal 24 febbraio con febbre. Il decesso a Fano

Pesaro, positivi al Coronavirus due insegnanti di scuole medie: classi sotto osservazione


Nel corso dei controlli, per dare attuazione alle disposizioni governative e prefettizie, gli oltre 150 carabinieri della compagnia di Codogno (Lodi) e dei rinforzi provenienti da tutt'Italia, impegnati dentro ed intorno alla cosiddetta zona rossa, hanno identificato le 18 persone. In alcuni casi hanno cercato di eludere i controlli per potersi recare in esercizi pubblici nei comuni limitrofi, ma fuori da tale area di restrizioni; altri, per far visita a parenti o conoscenti, erano riusciti ad entrare nella zona eludendo i controlli, per poi essere scoperti dai carabinieri all'interno oppure all'uscita dai militari presenti ai check point.
Tutti verranno denunciati per la violazione dell'ordine dell'autorità, prescritto nel decreto emanato dalla presidenza del consiglio dei ministri il 23 febbraio scorso. Come previsto dalla normativa, rischiano una denuncia penale che può portare ad una pena detentiva fino a tre mesi e al pagamento di un'ammenda.

Ultimo aggiornamento: 13:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA