Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, nella fase 2 potrebbero ritornare le zone rosse: ecco il parere degli esperti

Coronavirus, nella fase 2 potrebbero ritornare le zone rosse: ecco il parere degli esperti
Coronavirus, nella fase 2 potrebbero ritornare le zone rosse: ecco il parere degli esperti
di Alessia Strinati
2 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Aprile 2020, 12:30 - Ultimo aggiornamento: 12:57

La fase 2 è alle porte, ma se qualcosa andasse storto potrebbero tornare le zone rosse. A partire dal 4 maggio inizierà per tutti gli italiani un lento ritorno alla normalità che però imporrà delle rigide regole da rispettare per continuare ad arginare il contagio, visto che per qualche mese bisognerà convivere con il virus.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, fase 2 e autocertificazioni: ecco quando saranno obbligatorie

Si parla di mascherine obbligatorie, distanziamento sociale, tutto verrà organizzato nel dettaglio e ci saranno controlli rigidi per far rispettare le regole, ma se qualcosa dovesse andare storto e dovessero esserci aumenti nei contagi non si esclude il ripristino di zone rosse. Il comitato tecnico scientifico suggerisce di fare attenzione all'ormai celebre indicatore "R-0" cioè, come spiega l'Istituto Superiore di Sanità, il “numero di riproduzione di base che rappresenta il numero medio di infezioni secondarie prodotte da ciascun individuo infetto in una popolazione completamente suscettibile cioè mai venuta a contatto con il nuovo patogeno emergente". Se questo parametro, che ora si attesta sullo 0,7 circa, dovesse tornare a 1, il Governo deciderà se istituire di nuovo zone rosse, ovvero isolate.

Tenere conto di questo fattore è molto importante, spiegano gli esperti: «Quanto maggiore è il valore di R0 e tanto più elevato è il rischio di diffusione dell’epidemia. Se invece il valore di R0 fosse inferiore ad 1 ciò significa che l’epidemia può essere contenuta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA