Il coronavirus blocca il ricovero: l'ospedale lo chiama, ma il farmacista è morto da 40 giorni

Il coronavirus blocca il ricovero: l'ospedale lo chiama, ma il farmacista è morto da 40 giorni
Il coronavirus blocca il ricovero: l'ospedale lo chiama, ma il farmacista è morto da 40 giorni
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Giugno 2020, 15:33 - Ultimo aggiornamento: 17:46

ROVIGO  - Il coronavirus uccide anche quando non uccide direttamente. È il caso di un farmacista di Rovigo, cardiopatico e diabetico, che non è stato possibile ricoverare, nella fase di massima emergenza del Covid-19 negli ospedali, al Centro cardiologico Monzino di Milano. La struttura lo ha chiamato appena possibile, ma ha scoperto che il paziente era morto nel frattempo. La triste storia è stata raccontata  dalla vedova, Cinzia Truppo, medico, e che ha seguito impotente la patologia del marito non potendo fare nulla per tentare di salvarlo. «La sanità italiana è una eccellenza nel mondo, riusciamo a fare cose straordinarie ma non è organizzata bene l'ordinarietà: si dovrebbe potere essere curati anche in presenza di pandemie».

LEGGI ANCHE: Scoppia un nuovo focolaio di Coronavirus in Germania: 400 lavoratori positivi in un mattatoio

LEGGI ANCHE: Nuova epidemia di Covid19 a Pechino. La Cina: «Colpa del salmone europeo». La Norvegia si difende

Il 29 gennaio Stefano Ghini, 60 anni, nato a Bolzano da genitori di Ferrara ma ormai veneto di adozione, viene ricoverato per uno scompenso cardiaco all'ospedale Santa Maria della Misericordia di Rovigo dove la moglie Cinzia Truppo, di 62 anni, di Aversa (Caserta), lavora nel laboratorio di analisi ed è specializzata anche in Emergenza sanitaria. A metà febbraio viene dimesso «correttamente», ma la consorte ritiene comunque debba fare ulteriori approfondimenti perché qualcosa non la convince.

Un primario del Monzino da cui viene visitato il 5 marzo vuole ricoverarlo subito, «ma non può per il blocco stabilito dalla Regione Lombardia per i casi ordinari», e quindi predispone di farlo alla prima data utile. Il 18 maggio il dottor Ghini viene chiamato, ma al telefono risponde la moglie. Lui purtroppo è morto per arresto cardiaco improvviso il 14 aprile. «Sarebbe stato necessario avere i Pronto Soccorso separati per Covid e sale operatorie adeguate - si dispera la dottoressa Truppo -. Nessuno può sapere se mio marito sarebbe morto comunque, ma è certo che la sua patologia sarebbe stata scoperta e sarebbe stato ben curato. È uno dei tantissimi pazienti morti per colpa del Covid, ma il nostro dovere è attrezzarci al meglio ed evitare che si possa morire così».

© RIPRODUZIONE RISERVATA