Arrestato il medico di base che ha spinto e preso a calci in strada un paziente di 87 anni

Sabato 4 Aprile 2020

LECCE - Ha spintonato e preso a calci un paziente di 87 anni davanti al suo studio di Calimera, in provincia di Lecce. Il medico di base è finito agli arresti domiciliari:  Vincenzo Refolo era stato ripreso giovedì mattina dalla telecamera di uno smartphone mentre aggrediva l'anziano.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, l'Iss: «Mai mischiare candeggina con altri detersivi per pulire pavimenti, è pericoloso»

L'uomo è finito in ospedale dove è stato ricoverato con una prognosi di 25 giorni. Ha riportato una vasta ecchimosi al volto e la frattura di alcune costole. Il medico di medicina generale, oltre a schiaffeggiarlo e spintonarlo fino a farlo cadere a terra, gli ha rifilato alcuni calci anche quando la vittima era a terra. Solo l'intervento di una donna ha evitato conseguenze peggiori.

Questo pomeriggio i carabinieri gli hanno notificato l'ordinanza di custodia cautelare ai domicliari, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lecce, Giulia Proto. Dovrà difendersi dall'accusa di lesioni aggravate dai motivi abietti e futili. Ed aggravate anche dalla qualifica di pubblico ufficiale.

 Il video girato da un automobilista che aveva parcheggiato poco distante lo studio del dottore Refolo, mostrano la discussione fra medico e paziente alla presenza di due altre persone. Toni accesi ai quali - lo mostra il video - il medico ha reagito con una spiunta che ha buttato giù l'anziano. E poi ha inferito prendendolo a calci. Intervistato dall'emettitente televisica TeleRama, Refolo ha sostenuto che quel paziente lo avesse colpito con la stampella quando si trovavano nello studio. E che fosse particolarmente arrabbiato poiché non era stata ritenuta valida la ricetta che gli aveva prescritto giorni prima. 

Ultimo aggiornamento: 23:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA