Va in coma per il virus e si sveglia dopo settimane: non sa nulla della pandemia, come in "28 giorni dopo"

Mercoledì 20 Maggio 2020
Va in coma per il virus e si sveglia dopo settimane: non sa nulla della pandemia, come in
Covid-19, una storia incredibile arriva dalla Gran Bretagna e riporta alla mente il film "28 giorni dopo" dove un giovane si risveglia dopo settimane di coma e nulla sa di un virus che ha sterminato la popolazione mondiale. Brian Harvey, un uomo britannico di 69 anni, è stato ricoverato all'ospedale di Bristol il 21 marzo con quello che si pensava fosse un aneurisma. Invece, i test hanno rivelato che l'uomo aveva contratto il coronavirus e il giorno successivo, a causa del peggioramento delle sue condizioni generali gli è stato indotto il coma. E secondo quanto raccontato da Metro, ha trascorso quattro settimane in stato di incoscienza in terapia intensiva.

LEGGI ANCHE: Notte di maltempo nelle Marche: bomba d'acqua, temporali, grandine e danni. Ecco dove, guarda le previsioni
«È stato straziante vederlo in quelle condizioni», ha ricordato la figlia di Harvey, Faye Stapleton, 32 anni.
Quando il paziente ha ripreso conoscenza, la famiglia è stata costretta a parlargli della crisi sanitaria globale, dal momento che Brian si era completamente dimenticato dell'epidemia. «Non sapeva del coronavirus quando si è svegliato. Abbiamo dovuto spiegargli che c'era un virus e che tutto era chiuso», ha detto Stapleton. Secondo Stapleton, Harvey è attualmente sottoposto a terapia fisica per riuscire a riprendere tutte le funzioni.


Ultimo aggiornamento: 17:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA