Bottiglie di champagne contaminate con ecstasy: un morto e 11 intossicati

In Italia non sono stati segnalati casi di intossicazione da ecstasy correlabili al consumo di questo prodotto

Giovedì 10 Marzo 2022
E' scattata l'allerta per il consumo di una bottiglia di champagne da 3 litri

Intossicazione da bollicine. Il Sistema di allerta rapida per alimenti e mangimi (RASFF) ha segnalato 11 casi di intossicazioni, e un decesso, a seguito del consumo di una bottiglia di champagne da 3 litri del marchio "Moët & Chandon Imperial Ice". Il fatto è avvenuto nei Paesi Bassi e in Germania.

 

 

 

Le bottiglie interessate, come riporta il sito ufficiale salute.gov.it. sono identificate dal numero di lotto “LAJ7QAB6780004” e conterrebbero MDMA (3,4-methyl​enedioxy​methamphetamine nota con il nome di ecstasy). Dalle informazioni al momento disponibili, sembrerebbe che queste bottiglie siano state manipolate, in quanto i tappi non corrispondono ai tappi iniziali e le bottiglie potrebbero anche essere state completamente svuotate di champagne e quindi riempite con puro MDMA liquido.
Inoltre lo Champagne che conterrebbe MDMA liquido:

-non farebbe bollicine perchè non conteneva anidride carbonica
-avrebbe un colore bruno rossastro, che si scurisce nel tempo
-avrebbe un odore aromatico-fruttato, sebbene questo non era simile allo champagne.

In Italia non sono stati segnalati casi di intossicazione da ecstasy correlabili al consumo di questo prodotto. E' in corso un'indagine di polizia in Francia, Belgio, Germania e Olanda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA