Non gradisce la cena e picchia
moglie e figlie: 57enne finisce nei guai

Lunedì 13 Maggio 2019
Non gradisce la cena e picchia moglie e figlie: 57enne finisce nei guai
Per anni avrebbe picchiato moglie e figlie. Ma è quando ha colpito ripetutamente una delle due giovani ragazze, che la moglie ha trovato il coraggio di ribellarsi e denunciarlo. E così è stato disposto l'allontamento da casa per un 57enne di Taviano, in provincia di Lecce. Lo ha deciso il gip del Tribunale di Lecce Giulia Proto su richiesta del pubblico ministero Luigi Mastroniani. L’uomo dovrà rimanere almeno 300 metri lontano da moglie e figlie.

Le Iene: «Il ragazzo aggredito dalla ex aveva paura, con noi parlò di acido»

Sfregia l'ex con l'acido, alle Iene la stalker rivelò: «Non mi ha mai chiesto scusa»
 




Dalle minacce verbali alle aggressioni fisiche, l'uomo sarebbe andato su tutte le furie per un nonnulla. Una volta perché la cena non era di suo gradimento. Un'altra per l'uscita di una delle due ragazze, quando neppure l’arrivo dei carabinieri riuscì a placarlo mentre continuava a inseguire la figlia brandendo una scopa e insultando la moglie. 

E' stato dopo questo episodio che è scattata la denuncia. E la testimonianza della donna è stata confermata dalle due figlie, che hanno presentato anche il certificato medico nel quale si chiariva che tipo di ferite avessero riportato. 

Davanti al magistrato, il 57enne si è avvalso della facoltà di non rispondere. La difesa, rappresentata dall’avvocato Salvatore Bruno, si è detta convinta che l’indagato ha compreso la gravità dei fatti.  Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 02:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA