Assenteista seriale: percepiva regolarmente lo stipendio, ma in 15 anni non è mai andato un giorno al lavoro

Martedì 20 Aprile 2021
Catanzaro, assenteista seriale: percepiva lo stipendio, ma in 15 anni non è mai andato un giorno al lavoro

CATANZARO - Una storia che ha davvero dell'incredibile. Pur percependo lo stipendio per oltre 15 anni non si sarebbe mai recato al posto di lavoro per svolgere il servizio per il quale era retribuito. La Procura di Catanzaro ha chiuso le indagini nei confronti di un presunto assenteista seriale dipendente dell'Azienda ospedaliera Pugliese Ciaccio, Salvatore Scumace, di 66 anni e dei suoi superiori che non avrebbero adottato provvedimenti nei suoi confronti.

LEGGI ANCHE:

L'Aquila, morto operatore sanitario del Campus Biomedico: stroncato da infarto a 33 anni

 

Le indagini della Guardia di finanza hanno portato all'iscrizione a vario titolo sul registro degli indagati di sette, compreso Scumace, tra dipendenti, funzionari e dirigenti dell'Ospedale, per abuso d'ufficio, falso ed estorsione aggravata. Si tratta Nino Critelli (66), Vittorio Prejanò (64), Maria Pia De Vito (68), Domenico Canino (62), Laura Fondacaro (52) e Antonio Molè (53). Gli accertamenti del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, hanno consentito di rilevare che l'uomo già in organico all'Azienda, nel 2005 era stato assegnato al Centro Operativo Emergenza Incendi dell'ospedale catanzarese ma, per quanto ricostruito attraverso l'esame dei tabulati di presenza, dei turni di servizio e delle testimonianze di alcuni suoi colleghi e superiori, pur percependo la retribuzione (per più di 538.000 euro complessivi), per oltre 15 anni non si è mai recato in servizio. Per raggiungere tale obiettivo Scumace avrebbe fatto ricorso, tramite intervento di terze persone, anche a condotte estorsive.

Nel 2005, secondo quanto ricostruito dalle indagini, «una persona molto distinta» si era senza preavviso nell'ufficio della responsabile del C.O.E.I. (oggi in congedo ed estranea alle indagini) e, operando velate ma inequivocabili minacce all'incolumità sua e dei suoi familiari, l'avrebbe costretta a non segnalare le condotte assenteiste di Scumace. Circostanze che si sarebbero ripetute in seguito quando sia Critelli subentrato come responsabile del C.O.E.I, che i due dirigenti pro tempore dell'Ufficio Risorse Umane (Prejanò e De Vito) avrebbero omesso di adempiere ai controlli. In seguito, nel 2020 , l'Azienda ha avviato un primo procedimento disciplinare nei confronti di Scumace, affidato a un'apposita commissione composta dagli ulteriori indagati Canino (Presidente), Molè e Fondacaro (componenti) conclusasi, a fronte della palese condotta assenteistica, con l'insussistenza della possibilità di avanzare un addebito disciplinare nei suoi confronti.

Ultimo aggiornamento: 17:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA