Dal Sudafrica a Londra appesi al carrello dell'aereo a -60 gradi: «Ho visto morire il mio amico del cuore»

Lunedì 4 Gennaio 2021
Dal Sudafrica a Londra appesi al carrello dell'aereo a -60 gradi: «Ho visto morire il mio amico del cuore»

Themba, un giovane originario del Sudafrica, è sopravvissuto a un volo intercontinentale di 11 ore da Johannesburg a Londra dopo essersi nascosto nel carrello di un aereo e ha raccontato le ultime parole che ha scambiato con un amico il cui corpo è caduto dallo stesso volo della British Airways mentre era in fase di atterraggio all'aeroporto di Heathrow.

 

 


Themba Cabeka, 30 anni, è sopravvissuto e ha vissuto negli ultimi cinque anni a Liverpool, dove è stato soprannominato Justin, il giovane migrante mozambicano che era con lui è morto per lesioni multiple dopo essere caduto da 430 metri (1.400 piedi) durante il volo nel giugno 2015: ora la loro storia diventa un documentario tv.

I medici ritengono che Themba sia sopravvissuto perché le temperature gelide lo hanno tenuto in uno stato di "animazione sospesa".

Con una temperatura corporea inferiore abbassata, i suoi organi critici sono stati posti in una "modalità standby" in cui consumano meno ossigeno.

 

L'uomo che è morto, Carlito Vale , era cresciuto in un orfanotrofio nella seconda città del Mozambico, Beira, e si era avventurato in Uganda e Sud Africa prima di tentare di trovare una nuova vita a Londra. Gli uomini si erano preparati a nascondersi su un volo BA sulla pista di Johannesburg studiando le planimetrie degli aerei in un libro, ha spiegato Justin al Guardian. Questa settimana, la sua storia e quella di Vale saranno raccontate in un documentario di Channel 4 , The Man Who Fell from the Sky nel Regno Unito.

 

"Pensavamo di poter scegliere Delta, ma abbiamo pensato di fare un  volo più breve ... portiamone uno a Londra", aveva rivelato Justin. Nessuno dei due aveva idea di quanto fosse pericoloso il loro piano. Sebbene da tempo si creda che gli uomini possano aver avuto un aiuto interno per entrare in aeroporto, insiste sul fatto che lo facessero da soli, saltando le recinzioni perimetrali e indossando strati di vestiti per prepararsi.

 

“Non ero lontano dal motore. Potevi sentirlo fuori mentre girava ”, ha detto ai documentaristi. Ha riportato segni di bruciature dopo aver avvolto le braccia attraverso i cavi, che alla fine gli hanno impedito di cadere. "Potevi persino vedere le case laggiù quando l'aereo stava volando." La prossima cosa che riesce a ricordare è di essersi svegliato su una barella a Londra, con una gamba a pezzi. Vale e Justin, che sono cresciuti in una cittadina povera di Johannesburg e hanno subito violenze per mano di bande mentre vivevano per strada, avevano sognato un nuovo inizio di vita in Europa.

Vale pianificava di portare i membri della sua famiglia dal Mozambico dopo alcuni anni. "Ricordo quando ho parlato con Carlito ... ha detto che voleva fare il DJ e che sarebbe tornato a prendere sua figlia dopo pochi anni", ha detto Justin. 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA