Caro bollette, Salvini chiede un confronto urgente a Draghi: «Non solo Covid, per gli italiani una mazzata»

Il numero uno della Lega: «Chiedo al Presidente Draghi di convocare anche imprese e segretari di partito, famiglie e attività produttive non aspettano»

Venerdì 31 Dicembre 2021
Caro bollette, Salvini chiede un confronto urgente a Draghi: «Non solo Covid, per gli italiani una mazzata»

Matteo Salvini rova ad alzare la voce sul tema caro-bollette. L'aumento previsto da gennaio su luce e gas che peserà sulle tasche degli italiani, ha spinto il leader del Carroccio a chiedere un confronto urgente al premier Mario Draghi: «Chiediamo formalmente un tavolo nazionale, anzi una “cabina di regia” come dicono adesso, sul tema caro-bollette luce e gas, una mazzata da 1.000 euro a famiglia e da 30 miliardi per negozi, artigiani e imprese» ha detto il numero uno della Lega. 

«Insieme all’emergenza Covid - continua Salvini - questa è la vera urgenza dei prossimi mesi. Ognuno deve portare idee e prendersi le proprie responsabilità, i troppi no ideologici degli ultimi anni hanno bloccato e impoverito l’Italia. Chiedo al Presidente Draghi di convocare anche imprese e segretari di partito, famiglie e attività produttive non aspettano».

Caro bollette, Salvini scrive a Draghi

Anche Il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti è d'accordo con Matteo Salvini sul tema bollette: «Bene fa Salvini a insistere sull'emergenza del caro bollette e a chiedere un tavolo per affrontare la questione - le sue parole -. Da mesi abbiamo sollevato il problema e come Mise siamo a disposizione per portare a questo tavolo le riflessioni già avviate per individuare le soluzioni per i settori industriali più impattati. Il tema impone scelte urgenti per famiglie e imprese che implicano una riflessione più generale sulla sovranità energetica del nostro Paese». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA