Giornata del cane, cinque motivi per cui
averlo migliora la qualità della vita

Giornata del cane, cinque
motivi per cui averlo
migliora la qualità della vita
Arriva la giornata internazionale del cane, in calendario lunedì 26 agosto: ecco la lista in 5 punti dei motivi principali per cui l'adozione di un amico a 4 zampe è una scelta benefica. La scienza lo ha appurato: la compagnia di un animale domestico ha effetti benefici fisici e psicologici su chi se ne prende cura. E «avere un cane rappresenta una grande opportunità per migliorare la qualità della propria vita», spiega il veterinario Marco Maggi, direttore sanitario dei centri 'Cà Zampa' che, in vista della giornata internazionale del cane, in calendario il 26 agosto, stila la lista in 5 punti dei motivi principali per cui l'adozione di un amico a 4 zampe è una scelta benefica.



Il cane «all'interno della famiglia è un catalizzatore di serenità, genera atteggiamenti positivi, sconvolge positivamente la routine familiare, divenendo un compagno ed un amico, un vero e proprio membro della famiglia», ricorda il veterinario che elenca i 5 benefici principali legati alla presenza di un cane all'interno del nucleo familiare, grazie ai diversi 'ruolì giocati dagli animali ovvero: educatori dei bambini; compagni per gli anziani; promotori di attività fisica; 'antidepressivì; terapeuti per la riabilitazione fisica e sociale .

Nel dettaglio. Il cane, spiega Marco Maggi, «ha un ruolo educativo sui bambini. I piccoli hanno un comportamento affettivo e vedono nel cane un prezioso compagno non solo di giochi, ma anche di crescita». Si tratta di un animale abitudinario: ha bisogno di stabilità per sentirsi felice, tranquillo e completo. «Per far comprendere al proprio figlio in cosa consiste il senso di responsabilità, si può partire dallo spiegargli e dimostrargli cosa significa prendersi cura di un cane», aggiunge il veterinario ricordando invece che per over 65 è di grande importanza la compagnia offerta dagli animali.

 
 

Secondo il Rapporto Senior Italia FederAnziani su 'Over 65 e Animali da Compagnia', ben il 68% degli anziani afferma che la compagnia del proprio animale influenza molto il proprio benessere fisico e mentale.

I cani, inoltre, aiutano a muoversi. Da un'analisi della letteratura scientifica internazionale condotta dal Centro Studi Senior Italia emerge che i possessori di cani hanno il 57% di probabilità in più di svolgere attività fisica rispetto a chi non ne ha. Praticare sport con il proprio animale domestico può essere di grande stimolo. Questi animali hanno la capacità, inoltre, di stimolare il rapporto con il mondo esterno e la natura. Aiutano a mitigare, in determinate situazioni, il senso di solitudine sociale o morale. Recenti studi scientifici condotti dalla Fondazione Affinity Animali e Salute forniscono dati che lo confermano: oltre il 75% dei padroni vede il proprio animale come qualcosa di più di un amico e, secondo altri studi, la presenza di un animale nella quotidianità e legato a più elevati indicatori di benessere.

I cani, infine, sono tra i principali protagonisti della pet therapy, utilizzata come supporto nell'assistenza a disabili, ciechi, a chi soffre di autismo o altre condizioni e patologie invalidanti. Uno studio dell'associazione American Humane sui benefici della presenza di un cane all'interno di famiglie con giovani pazienti ricoverati a causa di cancro, ha dimostrato che la presenza di un animale può dare supporto ed influenzare positivamente l'intero nucleo familiare e i giovani pazienti che affrontano i percorsi di cura.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 24 Agosto 2019, 16:08 - Ultimo aggiornamento: 24-08-2019 16:14

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO