Bimba di 6 anni violentata e uccisa dal vicino di casa tredicenne. Il terribile racconto della mamma

Martedì 2 Novembre 2021
Bimba di 6 anni violentata e uccisa dal vicino di casa di 13 anni. Il racconto choc della mamma

Una bambina di 6 anni è stata violentata e picchiata a morte da un ragazzo di 13 anni. La piccola Miroslava Tretyak è stata adescata mentre stava raccogliendo le mele ed è stata poi trovata nuda con il cranio rotto nel villaggio di Stary Saltov, nel nord-est dell'Ucraina.

 

 

 

A commettere il terribile delitto sarebbe stato il figlio dei vicini di casa, un ragazzo di 13 anni che l'ha notata e l'ha trascinata in una fabbrica abbandonata dove ha prima abusato di lei e poi l'ha uccisa. A raccontare il terribile episodio è la mamma della bimba che ha detto di averla lasciata andare a raccogliere le mele, sicura che sarebbe tornata dopo poco. Non vedendola più ha lanciato l'allarme e dopo 4 ore ha trovato il corpicino nello stabile abbandonato ormai privo di vita.

 

La scientifica ha detto che Miroslava era stata violentata due volte dal sospettato prima di essere picchiata a morte con un mattone. L'adolescente è stato definito consapevole delle sue azioni e per questo dovrà risponderne davanti alla legge. Pare che sin da piccolo si sia sempre mostrato violento, ma nessuno avrebbe mai pensato potesse arrivare a tanto. La pena massima che deve affrontare è quella di essere rinchiuso in una scuola di correzione per minorenni delinquenti, evitando il carcere minorile, visto che ha un'età inferiore ai 14 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA