Prima dei 40 anni bere fa male: alcol vietato, ecco cosa rivela il nuovo studio dell'Università di ​Washington

Prima dei 40 anni bere fa male: alcol vietato, ecco cosa rivela il nuovo studio dell'Università di Washington
Prima dei 40 anni bere fa male: alcol vietato, ecco cosa rivela il nuovo studio ​dell'Università di ​Washington
3 Minuti di Lettura
Sabato 16 Luglio 2022, 10:08

Diciamolo: siamo spacciati. Perché il nuovo studio pubblicato su The Lancet è chiaro: alcol vietato ai minori di 40 anni. Tradotto: chi non è ancora entrato negli "anta" non dovrebbe assolutamente bere alcolici. Con buona pace di party, feste e locali.

Secondo la ricerca dell'Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) dell'Università di Washington a Seattle, le  persone sotto i 40 anni subiscono significativi rischi per la salute a causa del consumo di alcol. Secondo lo studio, i rischi per la salute includono incidenti automobilistici, lesioni e persino omicidi, mentre non viene evidenziato beneficio alcuno per l'organismo. Diciamocelo: l'avevamo intuito.

Al contrario, superati i quaranta, un consumo limitato di alcol - ad esempio, il classico bicchiere di vino - può persino diventare salutare (a patto che non si soffra di patologie che ne sconsigliano l'assunzione). I vantaggi di piccole quantità di alcol includono la potenziale riduzione del rischio di sviluppare malattie cardiache, ictus ischemico e/o diabete, secondo il sito web della Mayo Clinic.

Il progetto Gloval Burden of Diseases

Questo nuovo studio, che proviene dagli autori del progetto Global Burden of Diseases con sede presso l'Università di Washington a Seattle, ha analizzato le abitudini di consumo di alcol delle persone in 204 paesi e territori. La ricerca ha evidenziato come il numero di persone che consumano quantità dannose di alcol sia aumentato a 1,34 miliardi nel 2020. Quasi il 77% di queste persone era di sesso maschile, con quasi il 60% del consumo dannoso che si verifica tra le persone tra i 15 ei 39 anni.

«Il nostro messaggio è semplice: i giovani non dovrebbero bere, ma gli anziani possono trarre beneficio dal bere piccole quantità», sostengono gli autori dello studio. «Anche se potrebbe non essere realistico pensare che i giovani si astengano dal bere», continua la dichiarazione, «pensiamo che sia importante comunicare le prove più recenti in modo che tutti possano prendere decisioni informate sulla propria salute».

Per i giovani uomini, la quantità giornaliera raccomandata di alcol "sicuro" prima di "rischiare la perdita della salute" era di circa 2,6 cucchiai di birra o 2 cucchiaini di vino. Nelle giovani donne, si trattava di circa 100 grammi di birra o poco più di un quarto di una bevanda standard, definita come un bicchiere di vino da 100 ml.

© RIPRODUZIONE RISERVATA