Oro, argento, rame e ossido di zinco per una pelle sempre al top, ecco i consigli da tenere sempre a mente

L'argento colloidale
L'argento colloidale
di Federica Buroni
4 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Febbraio 2022, 10:47

ANCONA - I metalli fanno bene alla pelle? Alcuni come il rame, l’oro e l’argento hanno proprietà benefiche. Così è anche per l’ossido di zinco, che abbiamo usato tanto da bimbi poiché è l’ingrediente principale di una delle creme più utilizzate per pulire i sederini dei piccoli al cambio del pannolino.

 
Il rame
Non è una novità e, al solito, già gli antichi e sapienti egizi ne erano a conoscenza: il nostro corpo contiene, tra le altre cose, il rame. Lo introduciamo anche quando mangiamo mandorle, soia e avocado e il suo apporto arreca grandi benefici per la bellezza della nostra pelle. Il rame, infatti, agisce regolarizzando la formazione di proteine dell’epidermide e ha anche un grande potere biocide e cioè uccide batteri, funghi e virus molto resistenti. Non solo: stimola anche la produzione di fibroplasti dermici e sovraregola la produzione di collagene ed elastina, stabilizza le lesioni cutanee, funge da cofattore della superossido dismutasi, un enzima antiossidante presente nella pelle, importante per la protezione dei radicali liberi. Molti unguenti che contengono rame sono utilizzati in medicina ma ci sono anche creme per il viso che hanno il rame come ingrediente attivo o con componenti naturali che già lo contengono come germe di grano, orzo, avena, noci e uvetta. 


L’ossido di zinco 
Tutti quanti siamo stati abituati, da bimbi, a usare l’ossido di zinco considerando che è l’ingrediente top di una delle pomate più utilizzate per lenire gli arrossamenti e prevenire la formazione di piaghe. Ma l’ossido di zinco è usato pure in creme, pomate e gel che leniscono la pelle. È anche un antinfiammatorio in caso di dermatiti o ustioni, è un cicatrizzante e può essere usato per le emorroidi. L’ossido di zinco è un protettivo e, se applicato come crema prima di esporsi al sole, ripara dai raggi. Inoltre è un valido alleato per la cura della pelle del viso: dopo averlo deterso, se si applica una crema con questo composto, l’effetto rinfrescante è tale da ridurre gli arrossamenti. Ma è utile anche per fare impacchi alle gambe quando ci sono gonfiori o tromboflebiti.


L’oro e l’argento 
Utilizzato da secoli in campo cosmetico, l’oro è un metallo prezioso anche per la pelle. Con una premessa: tutti i metalli in forma colloidale sono molto buoni in ambito estetico e cosmetico. In forma organica colloidale, infatti, l’oro ha un grande potere rigenerante e agisce in modo profondo sull’epidermide. Risulta, infatti, un efficace trattamento antiage idratante, rivitalizzante e schiarente nonché ristrutturante, ideale per tutti i tipi di pelle, specie per quelle mature e devitalizzate. L’uso dell’oro restituisce un viso più fresco e luminoso. È anche un ottimo idratante e tonico per viso, collo e décolleté. Stessa musica per l’argento: è un potente principio dermo-purificante e antisettico e, sulla pelle, è un super emolliente, rigenerante e ristrutturante. Insomma, un ottimo antiossidante.

I metalli colloidali sono finissime dispersioni di particelle di metalli nobili come oro, rame, argento, zinco, platino e ferro, all’interno di un mezzo liquido molto purificato, in genere acqua bi-distillata. Ogni metallo colloidale ha caratteristiche proprie; grazie al loro potere antibatterico e antiossidante, questi composti agiscono sul sistema immunitario rendendo l’organismo più tonico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA