Prete sbaglia la formula per vent'anni, il vescovo annulla tutti i battesimi: «Per i fedeli necessario un nuovo sacramento»

Martedì 15 Febbraio 2022
Prete sbaglia la formula per vent'anni, il vescovo annulla tutti i battesimi: «Per i fedeli necessario un nuovo sacramento»

Una parola, talvolta, può cambiare tutto. Sicuramente ha cambiato la vita del sacerdote Andres Arango, che si è dimesso all'inizio di febbraio dalla sua diocesi, dopo aver saputo che tutti i battesimi che aveva celebrato per oltre 20 anni sono stati invalidati. Il motivo? Ha cambiato una parola nella funzione. Un'inezia, per qualcuno, ma non per la Chiesa, che ha dovuto annullare tutti i sacramenti che erano stati celebrati nella sua parrocchia a Phoenix, negli Stati Uniti

 

Cambia una parola, annullati tutti i battesimi

L'errore fatale riguarda proprio la frase clou della funzione. Padre Arango ha preso l'acqua santa, come è usanza, e poi versandola sul capo di chi riceveva il sacramento, ha pronunciato la dicitura «ti battezziamo nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo». L'errore stava in quel plurale («ti battezziamo»), poiché, come spiegato dal vescovo della diocesi di Phoenix, Thomas J. Olmsted, «il problema con l'uso del "Noi" è che non è la comunità che battezza una persona, ma è Cristo, e Lui solo, che presiede a tutti i sacramenti, e quindi è Cristo Gesù che battezza», le sue parole.

È stato sempre il vescovo a comunicare quello che è successo alla comunità: «Informo i fedeli che i battesimi celebrati dal reverendo Andres Arango, sacerdote della diocesi di Phoenix, non sono validi. Questa determinazione è stata presa dopo un attento studio da parte dei funzionari diocesani e dopo aver consultato la Congregazione per la Dottrina della Fede a Roma», ha detto. Non è noto il numero dei battesimi praticati da Padre Arango, che ha fatto sapere che si allontanerà dalla diocesi per rimediare ai problemi provocati a tutti i fedeli coinvolti. 

Ultimo aggiornamento: 19:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA