Alluminio, allarme del Ministero della Salute: «Non usatelo per conservare cibi per i bambini»

Mercoledì 11 Dicembre 2019 di Alessia Strinati
Alluminio, allarme del Ministero della Salute: «Non usatelo per conservare cibi per i bambini»

L'alluminio non deve essere usato per avvolgere gli alimenti. L'allerta arriva dal Ministero della Salute che si rivolge in modo particolare ai bambini e alle donne in gravidanza. Secondo gli esperti del Comitato di sicurezza alimentare i fogli di alluminio e le vaschette, spesso impiegati per la cottura dei cibi, contaminerebbero gli alimenti stessi.

LEGGI ANCHE:
Tonno in scatola al botulino, allerta in tutta Europa: 3.420 scatolette richiamate dal mercato

Bustine di zenzero in polvere ritirate dal mercato dal Ministero della Salute: «Rischio salmonella»

In pratica l'alluminio esposto al calore potrebbe finire nei cibi ed essere assunto dal nostro organismo, se questo si ripete più volte nel corso della vita si potrebbe andare incontro a un danno cumulativo. Già nel 2008 l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (Efsa) ha definito una dose settimanale tollerabile di alluminio pari a 20 per un bambino di 20 kg e 70 mg per un adulto di 70 kg. Pare però che il rischio è che si possa superare questa quantità con relative conseguenze per la salute. 

Alcuni alimenti, più di altri, favorirebbero il migrare delle particelle, come i succhi degli agrumi, le alici, i capperi. Il Ministero ha quindi espresso le sue raccomandazioni ai consumatori, prima tra tutte quella di leggere le etichette verificando che gli utensili realizzati con questo materiale siano idonei al contatto col cibo e poi di non conservare alimenti a temperatura ambiente dentro l'alluminio per più di 24 ore, nel caso si dovessero superare è bene procedere al congelamento. 

Ultimo aggiornamento: 15:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA