La moglie sta per partorire e lo chiama, ma il compagno è morto in casa per il monossido di un fornellino

A uccidere il 46enne potrebbero essere state le esalazioni

Giovedì 16 Dicembre 2021
Alessandria, muore a casa durante il travaglio della compagna in ospedale: trovato dai carabinieri dopo aver sfondato la porta

Morto in casa mentre suo figlio nasceva in ospedale. Erano andate a vuoto le telefonate della compagna che voleva avvisarlo del lieto evento. Quindi la paura della neomamma per il padre del bambino, poi la conferma arrivata dalle forze dell'ordine: l'uomo, un 46enne di origine nigeriana ma da tempo residente in Italia è stato trovato morto a casa dai carabinieri.

I militari erano stati allertati nel pomeriggio di ieri proprio dalla ragazza insospettitasi per non aver ricevuto risposta alle sue chiamate. I due vivevano insieme a Tortona.

Hanno capito subito che qualcosa non andava i carabienieri, giunti alla porta di casa, visto che la luce in casa era accesa ma l'uomo non rispondeva al campanello. Per entrare in casa è stato necessario anche l'intervento dei vigili del fuoco per forzare la porta ma a quel punto per il 46enne era già troppo tardi. I sanitari del 118 accorsi sul posto hanno solo potuto accertarne il decesso mentre le forze dell'ordine hanno informato la donna di quanto scoperto.

 

Le ipotesi sulla morte

A uccidere il 46enne potrebbero essere state le esalazioni di monossido di carbonio provenienti da un fornellino che utilizzava abitualmente in casa per scaldarsi, forse rimasto acceso per troppo tempo durante la notte. Il corpo dell'uomo è stato ritrovato disteso su un materasso posto a terra, mentre l’aria in casa era quasi irrespirabile. L'abitazione è stata posta sotto sequestro dall’autorità giudiziaria per gli accertamenti. Rimane l'attesa di avere informazioni più dettagliate da parte degli inquirenti che in queste ore stanno conducendo alcuni rilievi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA