Alan Friedman come Berlusconi: pulisce la sedia su cui era seduto Conte. E infuria la polemica

Un gesto, identico a quanto fece Berlusconi con Travaglio, che ha già scatenato grandi polemiche. L'attacco durissimo di Conte a Draghi

L'aria che tira, Alan Friedman pulisce la sedia su cui era seduto Conte: «Sono igienico»
L'aria che tira, Alan Friedman pulisce la sedia su cui era seduto Conte: «Sono igienico»
3 Minuti di Lettura
Martedì 3 Maggio 2022, 16:57

Giuseppe Conte, ospite di Myrta Merlino a L'aria che tira su La7, attacca duramente il presidente del Consiglio Mario Draghi. Lo fa in più occasioni, ma l'attenzione poi viene spostata su quanto fa Alan Friedman, ospite subito dopo di lui: un gesto che ha già scatenato furenti polemiche.

Friedman-Conte, la sedia pulita come Berlusconi-Travaglio

Alan Friedman, ospite dopo Giuseppe Conte, entra in studio ma prima di sedersi inizia a pulire con un fazzoletto la sedia su cui fino a poco prima c'era l'ex presidente del Consiglio. «Alan, smettila: qua è tutto sanificato», il commento di Myrta Merlino. Il giornalista statunitense replica però così: «Io sono igienico». Una scena che ricorda per filo e per segno quanto fatto da Silvio Berlusconi con Marco Travaglio nove anni e qualche mese fa, poco prima delle politiche 2013. Il gesto di Alan Friedman ha fatto infuriare esponenti politici ed elettori del Movimento 5 Stelle, ma non solo: in molti lo hanno giudicato come una caduta di stile assolutamente evitabile.

Conte contro Draghi: «Governo scorreto col M5S, sull'Ucraina venga in Parlamento»

Ospite di Myrta Merlino a L'aria che tira, Giuseppe Conte non aveva risparmiato attacchi a Mario Draghi. Mai, prima d'ora, l'ex presidente del Consiglio e presidente del M5S era stato così duro con l'attuale 'inquilino' di Palazzo Chigi. «Sull'Ucraina deve assolutamente venire a riferire in Parlamento e dirci se siamo falchi o colombe. Oggi formalizzeremo la richiesta, mi sembra scontato in una democrazia parlamentare. L'Italia deve essere leader nella transizione energetica, non nella corsa al riarmo» - le parole di Conte - «Ieri si è consumato, secondo me, e lo dico con amarezza e delusione, una scorrettezza nei confronti del M5s, una scorrettezza gravissima. Con un decreto con le misure da noi richieste e concordate è stata inserita una norma da prima per agevolare la realizzazione degli inceneritori, che non c'entra nulla, e poi è rimasta una norma che è una cambiale in bianco al sindaco di Roma, un'autostrada normativa al sindaco di Roma per realizzare il termovalorizzatore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA