Milano, droga una coppia e stupra la donna davanti alla figlia piccola: arrestato agente immobiliare

L'uomo, un agente immobiliare con lo studio in centro, non si è fermato neanche davanti ad una bambina di pochi mesi. Il sospetto è che sia uno stupratore seriale

Lunedì 8 Novembre 2021
Milano choc, droga una coppia e stupra la donna davanti alla figlia piccola: arrestato

Aveva fissato un appuntamento con una giovane coppia interessata ad una casa, ma li ha drogati ed ha stuprato la donna, senza fermarsi neanche davanti alla figlia neonata. Per questo, un agente immobiliare di Milano è stato arrestato.

 

LEGGI ANCHE:

Incidente frontale tra auto sulla Triestina: muoiono un'intera famiglia di Jesolo e una ragazza di Mestre

 

L'uomo, un 48enne con studio in via Montenapoleone, aveva fissato con la coppia un appuntamento per l'acquisto di un box auto. A quel punto, l'uomo ha narcotizzato i due e violentato la donna, davanti alla figlia di pochi mesi. L'episodio risale al 2 ottobre scorso, ma l'uomo, dopo le indagini, è stato arrestato oggi, con l'accusa di violenza sessuale aggravata, sequestro di persona e lesioni personali aggravate.

 

Secondo quanto riferito, durante l'appuntamento di lavoro ha servito un drink alla coppia nel quale aveva iniettato di nascosto, con una siringa, un farmaco a base di benzodiazepine con cui i due sono stati narcotizzati. Medicinale poi trovato nella sua abitazione durante una perquisizione.

 

L'agente immobiliare arrestato a Milano con l'accusa di aver drogato una coppia per violentare una donna durante un appuntamento di lavoro potrebbe essere uno stupratore seriale. Gli inquirenti che indagano sull'episodio, infatti, stanno valutando episodi analoghi e invitano «coloro che lo abbiamo incontrato accusando successivamente uno stato d'incoscienza, a contattare i Carabinieri».

 

LA VICENDA

L'uomo, arrestato venerdì scorso, era già stato condannato nel 2008 dal tribunale di Monza per violenza sessuale e poi riabilitato. Lo scorso 2 ottobre ha 'drogatò con un drink una coppia nel corso di un appuntamento finalizzato alla compravendita di un box, quindi aveva abusato della donna. Nella circostanza, la coppia aveva con sé la figlia di pochi mesi, «di fatto rimasta in balia degli eventi per circa 8 ore», fanno sapere fonti qualificate. Le indagini dei carabinieri hanno permesso di dimostrare che l'uomo era riuscito a mettere nei bicchieri delle vittime, mediante una siringa, «un'elevata dose» di benzodiazepine, sostanza capace di cancellare i ricordi.

 

Ma ci sarebbero altre due vittime cadute nella trappola e altre se ne temono. «Sono in corso ulteriori accertamenti volti ad identificare le altre donne che, in passato, abbiano potuto subire analoghi abusi sessuali da parte dell'indagato con lo stesso modus operandi, come peraltro le indagini stanno evidenziando. A tal fine, si invitano coloro che abbiano incontrato l'agente immobiliare, accusando successivamente uno stato d'incoscienza, a contattare immediatamente i carabinieri della Compagnia di Corsico, in via Repubblica dell'Ossola 1».

© RIPRODUZIONE RISERVATA