Lascia sola la figlia di 10 anni, si ubriaca e fa sesso in strada con un uomo. «La bambina piangeva»

Denunciata una donna russa. La bambina è stata affidata a una vicina di casa di origine ucraina

Lascia sola la figlia di 10 anni, si ubriaca e fa sesso in strada con un uomo. «La bambina piangeva»
Lascia sola la figlia di 10 anni, si ubriaca e fa sesso in strada con un uomo. «La bambina piangeva»
3 Minuti di Lettura
Martedì 23 Agosto 2022, 18:38

COMO - Ha lasciato sola la figlia di dieci anni tutto il pomeriggio, ubriacandosi ed appartandosi, presumibilmente a fare sesso in strada con un uomo: la bambina piangeva, lei è stata trovata seminuda e ubriaca. Per questo motivo una donna russa di 40 anni residente a Segrate è stata denunciata dalla Polizia di Como per abbandono di minore e atti osceni in luogo pubblico. Il fatto risale a domenica ed è raccontato dal quotidiano La Provincia di Como. 

Daspo urbano per tre ragazzi: si erano azzuffati dopo la discoteca e il video girava sulla Rete

Madre e figlia sono arrivate al lido «Giulietta al lago» nel primo pomeriggio e la donna si è più volte allontanata, in evidente stato di ebbrezza, in un caso appartandosi con un uomo e lasciando sempre la bambina sola. A un certo punto, intorno alle 19, la mamma non tornava più e la figlia si è messa a piangere. I gestori del lido se ne sono accorti, si sono fatti spiegare la situazione e hanno chiamato la polizia.

Gli agenti hanno dovuto attendere una quarantina di minuti prima di rintracciare la donna seminuda ad un centinaio di metri da dove la bambina era stata lasciata. È stata accompagnata in questura, dove si è rifiutata di dare le sue generalità. Problema al quale ha ovviato la bambina, che ha fornito i dati della mamma ai poliziotti. La donna è stata denunciata per una serie di reati, dall'abbandono di minori agli atti osceni in luogo pubblico, al rifiuto di fornire le generalità, per essere senza documenti e per ubriachezza molesta. La bambina, sentito il tribunale dei minori, è stata invece affidata ad una vicina di casa di origine ucraina. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA