Ascoli, 10mila pratiche sul sisma rischiano di non ottenere i rimborsi

Martedì 29 Ottobre 2019
Ascoli, 10mila pratiche sul sisma rischiano di non ottenere i rimborsi

ASCOLI - Per diecimila ascolani, il rischio beffa è dietro l’angolo. Un rischio legato al post terremoto e, in particolare, alla scadenza fissata per il prossimo 31 dicembre e relativa alla presentazione delle pratiche per quegli edifici che hanno subìto danni lievi a seguito del sisma.

La bufala della magnitudo abbassata per non risarcire la popolazione

Una questione per la quale sarebbero già pervenute comunicazioni ufficiose e inviti a velocizzare al massimo la presentazione delle richieste per evitare di rimanere tagliati fuori dalla concessione dei contributi per i danni lievi. Una situazione che, stando a quanto confermato dai presidenti provinciali dell’Ordine degli ingegneri e del Collegio dei geometri, rispettivamente Stefano Babini e Leo Crocetti, riguarderebbe circa 10mila edifici ad Ascoli. Ed in caso di mancata proroga della scadenza – ipotesi possibile – rischierebbero di restare esclusi almeno il 70% di questi immobili.

Torna a tremare la zona del cratere nelle Marche: scossa di magnitudo 3.0 nei Sibillini

© RIPRODUZIONE RISERVATA