Scippano anziana e danneggiano auto, la donna soccorsa da altri ragazzi. Baby gang in azione, 5 nei guai

Lunedì 5 Ottobre 2020 di Emidio Lattanzi
SAN BENEDETTO Baby gang in azione nel centro di San Benedetto. Ha dell’incredibile quello che alcuni ragazzi, tutti minorenni poi identificati dalla polizia, hanno messo in atto nella zona di piazza Nardone, di fronte alla chiesa della Madonna della Marina. Prima hanno sfondato i finestrini di alcune auto in sosta e fatto razzia di oggetti negli abitacoli, poi hanno scippato un’anziana costringendola, tra l’altro, a dover ricorrere alla cure dei sanitari. 

 
Il raid
E’ accaduto in piazza Nardone, tra la strada Statale e la basilica della Marina, nell’area del centro cittadino. Il gruppo di minori, cinque in tutto, ha prima agito all’interno del parcheggio sotterraneo che si trova sotto la piazza. Hanno mandato in frantumi i finestrini di tre delle autovetture che si trovavano posteggiate per rubare oggetti, di valore e non, all’interno. Si sono messi senza alcuna esitazione, come ladri provetti, sia nell’operazione di danneggiamento del cristallo che nell’attività ladresce all’interno dei veicoli. Quindi sono tornati in superficie e proprio di fronte alla chiesa hanno preso di mira una donna di 75 anni, che si trovava a passare di lì. 

Lo scippo
L’anziana aveva una borsa con sé e loro hanno messo in atto uno scippo in piena regola. Per portargliela via l’hanno strattonata violentemente facendola cadere a terra e provocandole delle contusioni per le quali si è poi reso necessario l’intervento del 118. L’anziana è comunque stata subito soccorsa da altri ragazzi che si trovavano in piazza e che hanno assistito alla scena. E sono stati proprio loro, all’arrivo della polizia del commissariato, a riferire agli agenti quanto accaduto riuscendo anche ad identificare quei ragazzi che sono stati tutti raggiunti dagli agenti e denunciati alla Procura dei Minori. Nessuno di loro ha infatti ancora raggiunto la maggiore età. Un dato preoccupante considerata la serie di reati di cui si erano macchiati e la determinazione con la quale hanno mandato la donna all’ospedale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA