Voglia di fresco e spiagge affollate: adesso in Riviera la priorità è la sicurezza

Voglia di fresco e spiagge affollate: adesso in Riviera la priorità è la sicurezza
Voglia di fresco e spiagge affollate: adesso in Riviera la priorità è la sicurezza
3 Minuti di Lettura
Giovedì 23 Giugno 2022, 08:45

SAN BENEDETTO  - «Il caldo anticipato e la voglia di vivere il mare senza restrizioni Covid, stanno portando già tanta gente in spiaggia. Noi ci siamo e, sotto il coordinamento della Capitaneria di porto, garantiremo il massimo della sicurezza ai bagnanti. Ma quest’ultimi devono collaborare, rispettando semplici, ma importanti, regole». Parole di Luca Buttafoco: presidente delle cooperative che curano il servizio di salvamento a mare. 

Summit in Capitaneria 
Ieri mattina, una delegazione di baywatch è stata ricevuta dal comandante della Guardia costiera sambenedettese, Marco Mancini. «Ho voluto incontrare soprattutto i giovanissimi che svolgono questo compito per la prima volta - spiega il comandante -. Li ho sensibilizzati sull’importanza del loro ruolo. Vanno evitate distrazioni e occorre conoscere bene la morfologia del mare che si sorveglia. Ho ricordato, ad esempio, che nei fondali tra una scogliera e l’altra possono crearsi avvallamenti, potenzialmente rischiosi». Il caldo anomalo: «Stiamo vivendo un clima da luglio inoltrato - prosegue Mancini - già riscontrata una quantità di malori che, in genere, si registra più avanti nel corso della stagione. Anche per questo, serve la massima attenzione. Noi siamo già partiti con dei pattugliamenti quotidiani del litorale, sia a terra che in mare, per intervenire nel più breve tempo possibile in caso di necessità». 
 

Caldo sempre più intenso
L’ultimo bollettino sulle ondate di calore innalza ulteriormente i livelli di guardia per la Riviera. Dal bollino “giallo” di ieri e di oggi si passa, domani, a quello “arancione”. Il rosso è vicino. «Previste temperature elevate - fanno sapere dalla Protezione civile - e condizioni meteorologiche a rischio in particolare per persone suscettibili». Dunque il bagno in mare può essere refrigerante, ma va fatto seguendo precise regole: «È importante evitare di gettarsi rapidamente in acqua dopo una prolungata esposizione al sole. Così si rischia un malore. Meglio allora immergersi in mare gradualmente, dando il giusto tempo al corpo di acclimatarsi», spiega ancora Buttafoco. 


Anziani e bambini 
Clima sconsigliato per le persone a rischio (anziani, bimbi o malati cronici) andare in spiaggia nelle ore più calde della giornata. «Capisco che un turista in vacanza per una sola settimana voglia sfruttare ogni momento utile per il mare, ma occorre buonsenso - prosegue l’esperto baywatch -. Ad un anziano o, generalmente, ad una persona con qualche problemino di salute, attualmente sconsiglierei di essere al mare nelle ore più calde». Ricordiamo che i bagnini di salvamento sono operativi tutti i giorni (dalle ore 10 alle 18) mentre è rintracciabile 24 ore su 24 il Numero Blu 1530 della Guardia costiera, per le emergenze in acqua.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA