Un videogame in 3D per promuore turismo e bellezze della riviera. Ecco cosa è e come funziona

Venerdì 4 Dicembre 2020
Un videogame in 3D per promuore turismo e bellezze della riviera. Ecco cosa è e come funziona

 SAN BENEDETTO - Scordate l’obsoleto Pokemon e anche il più recente Animal crossing: la prossima estate sarà San Benedetto protagonista di un videogioco destinato a impazzare tra gli adolescenti e non solo. Tutto merito del gruppo Gta San Beach che ha dato mandato ad alcuni sviluppatori freelance sparsi in tutto il mondo e guidati da Edoardo Vitali di Montegranaro di realizzare un videogioco in 3D capace di attirare l’attenzione a livello nazionale e internazionale sfruttando le bellezze della città delle palme.

 

 
«Tutto nasce - spiega Davide Piccinini - da un’idea che mi è venuta entrando in contatto con il gruppo del Fermano dei 4 Vardasci che hanno già realizzato un gioco per cellulare che promuove il turismo già scaricabile su App. Mi hanno fatto una proposta ma quello che andremo a realizzare sarà molto più accattivante. Un prodotto fantastico, che mapperà tutto il territorio del quale si stanno occupando professionisti dalla Germania all’India. Saranno individuati anche tutti i locali di San Benedetto che si sono detti entusiasti di contribuire e la nostra intenzione è uscire a metà luglio con questa iniziativa». Si tratta, in sostanza, di scaricare l’App che per l’utente è gratuita e - come è molto in voga tra i gamer che lo fanno con l’inglese - saranno utilizzati anche termini dialettali di facile comprensione per dare maggior appeal al gioco. Per ora si parla soltanto della App per giocare e scaricare ma l’intenzione è anche quella di coinvolgere un noto gamer sambenedettese. L’intenzione insomma è creare quei video che, come accade ad esempio con Capitan Blazer, spopolano su Youtube tra le giovani generazioni: non solo superare personalmente alcune prove, chiamate missioni, ma vedere come giocano quelli più bravi e cercare di carpirne i segreti o semplicemente ascoltarli mentre loro giocano le proprie partite. «Si può essere liberi di esplorare - aggiunge Piccinini oppure vedere quello che altri fanno: insomma un vero e proprio videogioco che però ha lo scopo di portare il nome di San Benedetto oltre i confini e di rivelarsi una promozione a livello turistico». Entusiasta è anche Nicola Mozzoni, neo presidente dell’Assoalbergatori, che aveva anticipato, nel suo programma di mandato, l’intenzione di utilizzare metodi non convenzionali per raggiungere i nuovi target di clienti oramai tutti concentrati sulle piattaforme on line. «Mi sembra un’ottima idea - dice Mozzoni - anche perché purché si parli di San Benedetto tutto è bene. So di questo progetto anche se non nei dettagli ma credo che sia davvero importante utilizzare anche queste nuove forme di promozione».
«D’altra parte - prosegue il giovane imprenditore turistico - l’obiettivo della nostra associazione è quello di fare in modo che San Benedetto venga scelta come destinazione turistica e quest’anno come non mai ne abbiamo bisogno. Il momento è difficile, mi dispiace per i colleghi della montagna che faranno fatica quest’anno visti i Dpcm per arginare l’emergenza Covid. Ma se tutto andrà migliorando, già dal prossimo mese anche noi dovremo cominciare a programmare la stagione. Forse chi ha risparmiato e non ha potuto godersi la neve potrebbe avere a disposizione un budget maggiore per l’estate e restare non una ma due settimane. Oppure, se il contagio dovesse proseguire, sarà il last minute a prevalere. Per ora è difficile programmare non solo per i potenziali turisti ma anche per noi. Quindi ben vengano tutte le iniziative come quelle di Gta San Beach per stare sul mercato che, come ripeto, si è spostato soprattutto sul web. E noi dobbiamo starc

© RIPRODUZIONE RISERVATA