Devastato il circolo Maggioni: iI vandali si accaniscono su vetrate e divani del tennis

Martedì 26 Gennaio 2021 di Alessandra Clementi
I vandali al Maggioni

SAN BENEDETTO - La vetrata spaccata, i divani tagliati, bottiglie in terra, la porta a soffietto forzata e un frigorifero rotto. Sono solo alcuni dei danni causati al Circolo Tennis Maggioni che nella notte tra domenica e lunedì ha subito un raid vandalico. 

 


Divani divelti, tutte le bottiglie di birra portate vie, la vetrata rotta con un cestino a sua volta rubato dall’arredo di viale Buozzi e il tentativo, non riuscito, di portare via anche un televisore. Preso di mira soprattutto il bar dell’impianto sportivo. Questa la scena che i gestori del circolo Maggioni ieri mattina si sono trovati davanti agli occhi una volta arrivati nella loro sede in pieno centro.

Un atto vandalico e un tentativo di furto. L’ennesimo raid, basti pensare che è il secondo nel mese di gennaio e il quarto negli ultimi tre mesi. Tanto che la cassa viene regolarmente lasciata aperta e vuota, proprio per evitare che venga forzata e rotta. Subito sono state chiamate le forze dell’ordine che hanno proceduto ai rilievi del caso, trovando le impronte digitali sulla tv, lasciate nel tentativo di portarla via. Tra l’altro il Circolo Tennis si trova in pieno centro tra la pineta e il salotto buono di viale Buozzi che ormai è diventato sempre più vittima di gesti vandalici. Il furto di birre e il fatto che non siano riusciti a rubare la tv fa pensare che non sia la mano di professionisti, ma più un gesto di giovani. 


«Siamo preoccupati e stanchi di questi continui atti vandalici- afferma il presidente del Circolo Tennis Afro Zoboletti – a questo punto installeremo un impianto di videosorveglianza è l’unica arma che abbiamo. Le forze dell’ordine fanno il possibile per sorvegliare la zona ma il Circolo è un’oasi di luce in una zona che meriterebbe maggiore cura. Abbiamo potenziato anche l’illuminazione ma non basta, oggi più che mai si rende necessaria la riqualificazione dell’intera area».


Il Circolo infatti pur trovandosi nel cuore della città è circondato da pinete e dal centro troppo spesso al buio, situazione che frequentemente alimenta furti e atti di vandalismo che ormai sono all’ordine del giorno, nonostante il coprifuoco che scatta dalle 22. Una zona riqualificata e soprattutto più illuminata farebbe sicuramente da deterrente per questi episodi. Da qui anche un progetto di riqualificazione che il Circolo ha presentato ormai cinque anni fa ed è rimasto chiuso in un cassetto visto che il Comune non gli ha mai dato seguito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA