Viabilità e decoro, l’unione fa la forza a San Benedetto: i 16 comitati di quartiere hanno deciso di incontrarsi

Viabilità e decoro, l unione fa la forza: i 16 comitati di quartiere hanno deciso di incontrarsi
Viabilità e decoro, l’unione fa la forza: i 16 comitati di quartiere hanno deciso di incontrarsi
di Marco Braccetti
3 Minuti di Lettura
Martedì 8 Novembre 2022, 05:55

SAN BENEDETTO -  Dalla viabilità al decoro urbano, passando anche per infrastrutture e sanità. I Comitati di quartiere predispongono una piattaforma tematica su cui far fronte comune nei rapporti con l’amministrazione comunale. Ecco l’indicazione emersa dalla riunione della Conferenza dei presidenti, svolta qualche sera fa presso i locali parrocchiali di San Pio X. 

 
 

Il primo di altri incontri
È stato il primo incontro da quando (eravamo a giugno) si sono tenute le elezioni che hanno rinnovati tutti e 16 i direttivi zonali. «Dal confronto sono emerse criticità ricorrenti nei rispettivi quartieri di appartenenza - si legge in una nota diramata al termine del confronto - ed è stato stilato un elenco di temi comuni. Si è trattato di un incontro propedeutico in cui abbiamo ribadito la volontà di potenziare tutte le sinergie preziose presenti sin dall’istituzione dei Comitati». 


Fochere, banco di prova
Sinergie che, per inciso, si svilupperanno anche nell’imminente organizzazione delle fochere: tipico appuntamento tra fede e folklore locale, che tornerà a caratterizzare la marcia d’avvicinamento al Natale, dopo due anni di stop forzato, causa pandemia. Prima dei tradizionali falò (previsti notte tra il 9 e il 10 dicembre) la Conferenza dei presidenti dovrebbe tornare a riunirsi. Infatti, un nuovo appuntamento è in programma entro il mese di novembre. In agenda c’è la scelta del portavoce della conferenza. Si deciderà se confermare o trovare una figura alternativa ad Alfredo Isopi (presidente di Marina di Sotto) che ha svolto questo delicato ruolo negli ultimi anni. Ma entriamo più nello specifico dei problemi su cui i Comitati di quartiere intendono mettersi in rete. 


Risiko viabilità 
Uno su tutti è quello della viabilità. Un autentico “Risiko” che può essere affrontato solo se si ragiona ad ampio spettro, allargando lo sguardo all’intera Riviera delle Palme. Per quanto concerne il decoro urbano, è facile prevedere che dai Comitati chiederanno uniformità di trattamento. Ultimamente, infatti, sono emerse diverse lamentele. La sintesi delle voci critiche: c’è disparità di trattamento nella cura e nella pulizia della città, con alcune zone (soprattutto nel centro-nord) più attenzionate rispetto al meridione. Riguardo alla sanità, in estrema sintesi: i Quartieri vorranno continuare a voler incidere nel percorso decisionale che porterà alla realizzazione di un nuovo ospedale.

Sul capitolo infrastrutture, per tutti i Comitati di quartiere l’urgenza è quella di arrivare a riqualificare nel migliore dei modi all’area Ballarin. Una questione che tiene banco da anni. Nel frattempo, è in rampa di lancio una nuova assemblea pubblica di quartiere. Venerdì nell’oratorio di via Monte San Michele, i residenti del quartiere Sant’Antonio da Padova sono invitati ad un confronto con i rappresentanti dell’amministrazione municipale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA