Festa del patrono, accesa la fiaccola delle celebrazioni ma la fiera causa Covid non c’è

Sabato 2 Ottobre 2021
Festa del patrono, un'immagine degli anni scorsi

SAN BENEDETTO  - Inizia oggi, entra nel vivo il prossimo weekend, tocca l’apice e si chiude mercoledì 13 ottobre. Ecco le tappe della Festa del Patrono 2021. Per il secondo anno di fila, i festeggiamenti civili in onore di S. Benedetto Martire sono ridimensionati dalla pandemia; ma il Coronavirus non spegne la fiamma della fede.

 


Proprio oggi, infatti, parte da S. Giacomo della Marca il pellegrinaggio della reliquia che toccherà tutte le parrocchie cittadine. Ecco alcuni passaggi: lunedì si arriva a Cristo Re (nel cuore di Porto d’Ascoli) giovedì 7 nella popolosa parrocchia di Sant’Antonio da Padova, domenica 10 nella basilica-cattedrale Santa Maria della Marina, lunedì 11 a S. Filippo Neri. Dopo lo stop del 2020 imposto dall’emergenza-Covid, torna la processione. Appuntamento mercoledì 13 alle ore 15.45 dal sagrato della cattedrale della Marina.

Al suono della banda, i fedeli sfileranno in corteo tra le principali arterie della città. Direzione: piazza Bice Piacentini. Lì (all’aperto, meteo permettendo) alle ore 17 il vescovo Carlo Bresciani celebrerà la funzione solenne, con la simbolica riconsegna della chiave urbana al Patrono da parte del sindaco. Successivamente, dal belvedere di piazza Sacconi, il vescovo impartirà la benedizione alla città. Sul fronte dei riti civili: per il secondo anno di fila salta la sagra, ma ci si potrà rifare con una raffica di iniziative gratuite. Sabato 9 ottobre, in piazza Piacentini, dalle ore 21.30 scatta la musica live con “I Pupazzi”. Il giorno successivo, stesso posto stessa ora, largo alla comicità di Uccio De Santis: un nome, una garanzia.


Entrambi gli eventi sono accessibili su prenotazione, tramite la piattaforma web Eventbrite.it. Mercoledì 13, in piazza Sacconi, alle ore 14.30 c’è spazio anche per il divertimento dei più piccoli con “Bimbi in festa”: spettacolo del Mago Pierre. Sempre il 13, dopo riti religiosi, esibizione del quartetto d’archi “A. Vivaldi”, sempre con ingresso gratuito. Dal 9 al 13 ottobre: aperture straordinarie della Torre dei Gualtieri. Dal 9 al 12, il monumento-simbolo della città sarà visitabile dalle ore 21 alle 23. Mercoledì 13, dalle ore 15 alle 19 e dalle 21 alle 23. Ingresso gratuito. Tornando al programma religioso: va ricordata la messa che sabato 9, alle ore 18, celebrerà il vescovo emerito Gervasio Gestori. Sempre presso l’abazia patronale, alle ore 10 di mercoledì 13 ci sarà la messa speciale per nonni e nipoti, con una festa alla presenza di monsignor Romualdo Scarponi: già parroco di San Benedetto Martire. 


Supportata dall’amministrazione comunale, l’organizzazione della Festa del Patrono vede in campo diversi gruppi: associazione Amici del Paese Alto, Comitato di quartiere, AssoArtisti, associazione Arte Viva e parrocchia di S. Benedetto Martire. La tradizione dice che il soldato romano Benedetto (cristiano quando tale culto era proibito) fu martirizzato il 13 ottobre dell’anno 304, nei pressi dell’attuale Cupra Marittima.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA