Stroncato a 50 anni da un malore: Giovanni era una delle anime più amate del porto

Stroncato a 50 anni da un malore: Gianni era una delle anime più amate del porto
Stroncato a 50 anni da un malore: Gianni era una delle anime più amate del porto
2 Minuti di Lettura
Lunedì 3 Febbraio 2020, 05:05

SAN BENEDETTO - Lutto al porto di San Benedetto per l’improvvisa scomparsa di una delle sue anime più amate. Ad appena cinquant’anni è morto Giovanni Marconi Sciarroni,, Gianni per tutti. Il decesso è arrivato in seguito ad un malore che lo ha colto nella sua abitazione di Monteprandone nella tarda serata di sabato. Vani, purtroppo, si sono rivelati tutti i tentativi di rianimarlo da parte del personale del 118 chiamato a soccorrerlo e giunto a bordo di un’ambulanza. A maggio avrebbe compiuto 51 anni. 

LEGGI ANCHE:

Investito e ucciso dal treno in stazione a 40 anni: indossava le cuffie e un cappuccio


Sambenedettese doc, aveva vissuto per anni tra via Voltattorni e via Volta, a due passi dal lungomare, era una delle anime del porto cittadino, con un passato da sportivo, nuotatore per la precisione, e da marittimo imbarcato. Gentile, disponibile e grande lavoratore, viene ricordato da moltissimi operatori dell’impianto portuale ancora increduli di fronte alla notizia che, fin dalla nottata di ieri, ha iniziato a girare tra le varie pagine dei social network. Al porto era un punto di riferimento. Aveva lavorato per diverse aziende che commerciano il pesce e che operano tra i moli e ovunque il suo contributo era stato apprezzato. Lascia il figlio Alessio, la compagna Monia, la mamma Ermanna e la sorella Daniela. A loro sono giunti i messaggi di cordoglio e l’abbraccio dell’intera comunità portuale e non solo. Gianni era conosciuto in tutto il territorio e sapeva farsi voler bene. 

«Ti salutava da un chilometro - è il ricordo di molti - era di grande educazione e di grande simpatia». Nelle ultime ore sono stati decine anche i messaggi di cordoglio comparsi sui social e lasciati da tantissime persone che conoscevano il cinquantenne e che ogni giorno lo incontravano al porto. I funerali, inizialmente fissati per martedì mattina, sono stati rimandati per la necessità di ulteriori accertamenti sul decesso che, comunque, è avvenuto per cause naturali. Nella giornata di oggi dovrebbero essere comunicate ora e data della cerimonia funebre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA