Lavori allo stadio, il giudice vuole sapere se la PowerGrass vantava già un credito con la Sambenedettese calcio: ecco perché

Lavori allo stadio, il giudice vuole sapere se la PowerGrass vantava già un credito con la Samb calcio: ecco perché
Lavori allo stadio, il giudice vuole sapere se la PowerGrass vantava già un credito con la Samb calcio: ecco perché
2 Minuti di Lettura
Venerdì 20 Maggio 2022, 08:55

SAN BENEDETTO - Il Tribunale dovrà accertare se la PowerGrass vantasse già un credito con la Sambenedettese calcio per il pagamento dei lavori allo stadio. Richiesta avanzata dopo la prima udienza svoltasi lo scorso 13 maggio. In pratica il giudice vuole sapere se prima di rivalersi sul Comune, la PowerGrass che aveva svolto i lavori per il nuovo manto erboso presso il Riviera delle Palme, avesse chiesto i soldi alla società che aveva commissionato i lavori.

 

Infatti il rapporto era tra la Sambenedettese e la PowerGrass, il Comune era subentrato solo di fronte al mancato pagamento dell’intervento al campo. Quindi nei prossimi mesi il tribunale dovrà verificare, carte alla mano, se c’è stata una richiesta di pagamento da parte della PowerGrass verso la Sambenedettese. A seguire è stato richiesto il dossier prodotto dalla commissione di indagine istituita dal comune che per 40 giorni aveva svolto audizioni, sentendo i dirigenti e tecnici comunali oltre che i rappresentanti della Samb e politici per conoscere nei particolari la vicenda dei lavori allo stadio finiti con il mancato pagamento del nuovo manto erboso costato 600mila euro.

A questo punto sia i documenti della commissione che l’eventuale richiesta di pagamento inoltrate alla Sambenedettese calcio dovranno essere prodotte al tribunale entro il prossimo 30 settembre quando si svolgerà la seconda udienza. La PowerGrass aveva proposto anche una trattativa al Comune con tanto di project financing che avrebbe accantonato il contenzioso lasciando alla ditta milanese l’intervento di restyling dell’impianto sportivo, ma a questo punto il Comune attenderà prima l’esito del processo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA