Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Soccorsa in pineta in stato confusionale con vestiti sporchi e ferite. Sospetta violenza su una 19enne

Trovata in pineta in stato confusionale con vestiti sporchi e ferite. Sospetta violenza su una 19enne
Trovata in pineta in stato confusionale con vestiti sporchi e ferite. Sospetta violenza su una 19enne
di Emidio Lattanzi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 8 Agosto 2022, 03:00 - Ultimo aggiornamento: 09:08

 SAN BENEDETTO - Ancora una notte complicata, in Riviera a causa dell’alcol. C’è, quasi certamente, proprio l’elevato numero di “cicchetti” consumati alla base di un paio di scaramucce avvenuto nella zona Nord del lungomare di San Benedetto. Si è trattato di episodi che hanno visto coinvolti alcuni giovanissimi buona parte dei quali sono anche stati identificati dalla polizia che ha presidiato l’area per tutta la notte tra sabato e domenica. Ma occorre fare chiarezza su quanto accaduto nella zona di viale Buozzi, sotto la pineta che costeggia l’isola pedonale.

 
Il soccorso

Lì è infatti stata trovata una ragazza di 19 anni, in stato confusionale. È stata soccorsa dal personale del 118 arrivato a bordo di una ambulanza e dalla polizia del commissariato di San Benedetto. Aveva probabilmente bevuto troppo e ha affermato di aver trascorso parte della nottata in una discoteca poco distante. Ricorda di essere uscita da quel locale insieme ad alcuni conoscenti ma poi afferma di non ricordare più nulla. Il problema è che è stata trovata con i vestiti sporchi, dei traumi alle ginocchia e dolori al basso ventre. I sanitari del Pronto soccorso hanno riferito la situazione fisica della ragazza alla polizia ed è stato attivato il codice rosa per il sospetto che la giovane possa essere stata vittima di un’aggressione e, potenzialmente, di una violenza sessuale.


Le indagini
Una vicenda, insomma, estremamente delicata sulla quale gli agenti sono intenzionati a fare piena chiarezza anche perché arriva dopo una serie di episodi e denunce di stupri che hanno caratterizzato l’estate 2022. In un caso la vicenda dichiarata alla polizia si è rivelata completamente inventata per ammissione della stessa sedicente vittima mentre un altro caso, quello di un presunto stupro di gruppo, è tutt’ora al vaglio degli investigatori. Ora arriva questa anomala situazione legata alla diciannovenne che non ricorda nulla di quanto accaduto la notte scorsa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA