Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

San Benedetto, voglia di sicurezza
«Date le armi alla polizia municipale»

Arriva anche dalla cittadinanza la richiesta di armare la polizia municipale
Arriva anche dalla cittadinanza la richiesta di armare la polizia municipale
2 Minuti di Lettura
Venerdì 4 Novembre 2016, 06:35
SAN BENEDETTO - «Pistole ai vigili urbani? Perché no». La ciclica proposta che, ogni stagione finisce per tornare tra i banchi del consiglio comunale, trova d’accordo molti dei cittadini sambenedettesi che vedono di buon occhio la possibilità che anche San Benedetto possa adottare il regolamento già istituito in altri centri come Rimini o Fermo e dotare gli agenti della polizia locale di pistole di ordinanza. «Se questa iniziativa porta ad un aumento della sicurezza – spiega il giovane Luca Addarii – allora ben vengano. In fondo si tratta di tutori dell’ordine che devono essere messi in condizione di far rispettare la legge». Il problema di fondo, infatti, sta proprio qui. I recenti fatti di cronaca, con le vicende che arrivano dal centro, dal quartiere di San Filippo Neri e dall’area del pontino lungo, tanto per fare alcuni esempi, hanno infatti riaperto le polemiche sul fatto che gli agenti della polizia municipale debbano essere messi in condizione di potersi difendere in caso di necessità. «E’ anche un problema di autorità – spiega Laerte Pasqualini – purtroppo la figura del vigile urbano, almeno a San Benedetto, sembra essere di secondo piano rispetto a quella di un’altra figura in divisa e questo viene percepito anche da un potenziale malintenzionato». 
E di episodi che confermano questa tesi ce ne sono diversi basti pensare che lo scorso anno un agente della municipale è stato aggredito da un venditore ambulante abusivo che, di fronte alla richiesta dei documenti, non si è fatto alcun problema nel colpire l’agente e cercare di darsi alla fuga. C'è poi l'episodio dell'aggressione all'assessore Olivieri al pontino lungo da parte dei venditori abusivi di pesce diventato ormai come uno spartiacque, la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA