San Benedetto, assalti con la pistola
ai commercianti: presi due rapinatori

San Benedetto, assalti con la pistola ai commercianti: presi due rapinatori
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 24 Gennaio 2018, 12:00

SAN BENEDETTO - Sono accusati di essere stati loro, tra ottobre e novembre, ad aver seminato il panico, con una pistola in mano, tra i commercianti di Porto d’Ascoli e di aver mandato in ospedale una pasticciera nel tentativo, poi riuscito, di rubarle la borsetta con diecimila euro. La polizia del commissariato diretto dal Leo Sciamanna ha arrestato, nelle ultime ore, Salvatore Corvino, un trentaduenne di origini casertane residente a Centobuchi e Federico Zarroli, quarantenne di San Benedetto, lo stesso che lo scorso 29 novembre era finito in manette dopo aver colpito all’area di servizio Ip di viale dello Sport.
I due sono accusati di aver effettuato almeno tre rapine, la prima delle quali, di cui non si era ancora avuta notizia, ha visto finire all’ospedale una donna. I fatti risalgono alla notte dello scorso 22 ottobre quando la donna, titolare di un negozio di pasticceria, è uscita dalla propria abitazione in zona Sentina per andare al lavoro e si è vista avvicinare da due persone. Uno dei due, il quarantenne secondo la polizia, ha provato a strapparle via la borsetta strattonandola e facendola cadere a terra e provocandole un trauma toracico e una lesione di una costola. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA