Il cittadino chiama ma l'App non risponde. «Aspetto da 50 giorni un semplice riscontro dal servizio Municipium»

Giovedì 13 Gennaio 2022 di Emidio Lattanzi
L'App Municipium

SAN BENEDETTO - Cinquanta giorni. Da tanto un cittadino sambenedettese attende per ottenere un riscontro da una segnalazione fatta sull’app Municipium, la piattaforma creata per gestire le segnalazioni e le problematiche segnalate dai cittadini. 
 
Il Comune ha infatti acquisito un’applicazione per smartphone attivata in alcune centinaia di centri italiani. Con questa applicazione, scaricabile su tutti gli smartphone, i cittadini possono interagire con il Comune inviando segnalazioni su problemi o offrire proposte e suggerimenti direttamente dal telefono. In teoria però. Perché i ritardi o addirittura l’assenza di risposte denunciate in più occasioni ai tempi dell’amministrazione Piunti, sembrano accompagnare anche questa nuova esperienza amministrativa. Tra i casi più eclatanti c’è, ad esempio, quello di un cittadino che attende da 50 giorni che qualcuno dia riscontro alla propria comunicazione relativa a via Volta. La segnalazione, che porta la data del 23 novembre 2021, era abbastanza semplice e riguardava ufficio viabilità e polizia locale: era una richiesta di chiarimenti su alcuni presunti stalli privi di delimitazione segnaletica. Riguardava un’area di via Volta dove non era molto chiaro se fosse possibile parcheggiare e, in caso di risposta affermativa, si invitava a delimitare e segnalare l’area di sosta. Una richiesta, addirittura reiterata una seconda volta all’inizio del mese di dicembre ma che sembra non essersi filato nessuno. Sarebbe bastato rispondere facendo chiarezza sulla possibilità o meno di parcheggiare all’altezza dei due numeri civici indicati, o contattare direttamente il cittadino.

«Invece nulla - spiega la persona che ha effettuato la segnalazione - ho mandato la prima comunicazione a novembre poi un’altra a dicembre. Nessuno mi ha dato un minimo cenno di risposta. A cosa serve, a questo punto, aver attivato un servizio del genere?».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA