Una sedicenne stramazza al suolo, alcuni passanti lanciano l’allarme, l’adolescente ricoverata all’ospedale

Sabato 29 Maggio 2021 di Emidio Lattanzi
Via Laberinto

SAN BENEDETTO - Paura e preoccupazione, intorno alle 21 di giovedì sera in centro a San Benedetto, per una ragazza di sedici anni che ha perso i sensi ed è stramazzata al suolo in via Laberinto. La giovane che è stata soccorsa subito da alcuni residenti che hanno anche dato l’allarme chiamando il 118, si è accasciata all’altezza dell’angolo tra la strada e il vicolo che costeggia la chiesa di San Giuseppe. 

LEGGI ANCHE:

Il mare è sempre più blu: la mappa delle spiagge di San Benedetto dove il mare è più pulito dopo i controlli dell'Arpam

 


Si tratta di una giovanissima ascolana che ha trascorso il tardo pomeriggio nei locali della zona bevendo talmente tanto da ridursi in quelle condizioni. Sul posto, insieme all’ambulanza, sono arrivati anche gli agenti del commissariato anche perché inizialmente si era parlato di una probabile aggressione. La giovane aveva invece bevuto troppo. E’ stata trasportata in ospedale dove i sanitari l’hanno sottoposta a tutte le terapie del caso per farla riprendere. La polizia, ad ogni buon conto, sta lavorando per capire dove la ragazzina, minorenne, avesse bevuto e appurare se qualche barista le avesse dato da bere. Cosa che è assolutamente vietata. 


Un episodio che riapre, di fatto, le polemiche sui problemi legati alla somministrazione di alcolici nelle notti estive. Al momento, in Riviera, c’è un’ordinanza che vieta la vendita di vini, birre e liquori, nell’area centrale di San Benedetto. dalle 18 fino alle 6 del mattino successivo delle notti tra il sabato e la domenica e tra la domenica e il lunedì. Un’ordinanza che rappresenta una sorta di test, come conferma lo stesso primo cittadino sambenedettese, Pasqualino Piunti, che ha firmato il documento e che spiega come la durata dell’atto è di un mese al termine del quale si tireranno le somme. 


«Se le cose dovessero andare male e si dovesse tornare ad assistere alle scene del Primo Maggio - afferma il sindaco - allora l’ordinanza diventerà urgente e contingibile». L’attuale documento è relativo alle aree classificate come quelle della movida, vale a dire quelle del quadrilatero del centro e del lungomare. All’interno di quell’area nessun negozio, enoteca o supermercato che sia, potrà effettuare la vendita di alcolici dopo le 18.

© RIPRODUZIONE RISERVATA