Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Trova un sacchetto di plastica a riva. Dentro ci sono un caricatore di pistola 9x21 parabellum di una Beretta e i proiettili. Choc in spiaggia

La Guardia costiera ha preso in custodia l'involucro e il suo contenuto
La Guardia costiera ha preso in custodia l'involucro e il suo contenuto
di Emidio Lattanzi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Luglio 2021, 04:00 - Ultimo aggiornamento: 15:55

SAN BENEDETTO - Misterioso e preoccupante ritrovamento, ieri pomeriggio, a ridosso della spiaggia di Grottammare. Una donna ha infatti trovato in acqua, a pochi metri dalla battigia, un sacchetto con all’interno il caricatore di una pistola 9x21 parabellum della Beretta, con tutti i colpi all’interno più altri tre proiettili che si trovavano dentro la busta insieme al caricatore.

Morto il giorno dopo il vaccino, la moglie: «Si faccia chiarezza». La Procura dispone l'autopsia

Il ritrovamento è avvenuto nel pomeriggio di ieri, intorno alle 15 e 30. La donna ha subito segnalato la cosa a uno degli steward che si è reso conto della gravità di quella scoperta e ha chiamato immediatamente le forze dell’ordine. Sul posto sono intervenuti i militari della Guardia costiera insieme ai carabinieri della stazione di Cupra Marittima. Sono stati questi ultimi che hanno preso in consegna il caricatore e i proiettili. I militari hanno ascoltato la testimonianza della donna che ha trovato il sacchetto, dello steward che ha dato l’allarme oltre ad alcune altre persone che hanno assistito alla scena. Dallo stato in cui si trovava il caricatore si deduce che fosse in acqua ormai da un po’, nel senso che di certo non era stato messo in mare un’ora prima, ma probabilmente non da tantissimo tempo. Ora i militari sono al lavoro per capire da dove arrivi quel caricatore. Tante le ipotesi. Di certo quella attualmente più accreditata è che qualcuno abbia voluto disfarsi di un’arma e che, da qualche parte, ci sia anche il resto della pistola. E se così fosse occorrerebbe anche capire per quale motivo, chiunque sia stato a gettare quel sacchetto in mare, avesse necessità di disfarsi di un’arma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA