Il Porto d'Ascoli si fa sentire sul nodo-stadio: «Se il Ciarrocchi sarà inagibile vogliamo giocare al Riviera delle Palme»

Sabato 3 Luglio 2021
Il Porto d'Ascoli si fa sentire sul nodo-stadio: «Se il Ciarrocchi sarà inagibile vogliamo giocare al Riviera delle Palme»

SAN BENEDETTO -  Il Porto d’Ascoli Calcio bussa alla porta del Comune per avere a disposizione lo stadio Riviera delle Palme. La missiva a firma del presidente del Porto d’Ascoli, Vittorio Massi, è stata protocollata ieri ed è già stato fissato un incontro per lunedì con l’amministrazione. Infatti dopo la promozione del Porto d’Ascoli è sorta la necessità di avere a disposizione il Riviera nel momento in cui il campo Ciarrocchi non dovesse rispondere ai requisiti richiesti dalla serie D.

 

«La società sportiva dilettantistica Porto d’Ascoli srl – si legge nella missiva - chiede urgentemente, ai fini dell’iscrizione al campionato di serie D 2021-2022, la disponibilità dello stadio Riviera delle Palme per disputare le partite di campionato in alternanza con la Sambenedettese calcio. In analogia alla delibera di giunta 116 dello scorso 21 giugno a favore della Sambenedettese srl, la società chiede la stipula di un’analoga convenzione tra Comune e Porto d’Ascoli srl. La Lega nazionale dilettanti ci ha comunicato un imminente sopralluogo presso il campo sportivo Marcello Ciarrocchi di un tecnico al fine di verificare l’adeguatezza dell’impianto per disputare le gare di serie D.

Il sopralluogo, per il quale è richiesta la presenza di un referente dell’amministrazione comunale proprietaria dell’impianto, sarà propedeutico per valutare gli eventuali lavori di adeguamento per rendere il campo sportivo Ciarrocchi idoneo ad accogliere le gare di serie D». Quindi pur rimanendo prioritario il Ciarrocchi, si chiede la disponibilità dello stadio cittadino che potrebbe meglio rispondere alle esigenze di una serie D. Intanto proseguono i festeggiamenti per la promozione e non è mancata la realizzazione di un video girato al Ciarrocchi e dedicato al Porto d’Ascoli sulle note della storica canzone di Francesco De Gregori “La leva calcistica del 68” tributo alla squadra e alla società presieduta da Massi dell’impresa di costruzioni Saxa

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA