Polveri sottili, altri due sforamenti
e scattano i divieti al traffico

Polveri sottili, altri due sforamenti e scattano i divieti al traffico
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 3 Dicembre 2014, 21:08 - Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre, 09:44

SAN BENEDETTO - San Benedetto assediata dallo smog. La pioggia caduta ad intermittenza non è servita a ripulire l’aria e così (tra lunedì e martedì) si sono registrate ancora quantità eccessive di polveri sottili Pm10. In questa settimana ci sono stati altri 2 sforamenti alla soglia massima giornaliera di polveri prevista dalle leggi europee che tutelano la salute pubblica. Tetto fissato in 50 microgrammi per metro cubo d’aria. Complessivamente - dall’inizio dell’anno all’altro ieri - sono ben 33 gli sforamenti registrati dalla centralina di rilevamento collocata lungo via Asiago. Sintetizzando: in questo 2014, per oltre un mese i cittadini sambenedettesi hanno respirato aria tutt’altro che pura. Inoltre, purtroppo, il dato dei 33 sforamenti continua a consegnare a San Benedetto il triste primato di località regionale più inquinata dalle Pm10 tra tutte quelle tenute sotto controllo dall’Arpam. E questi non sono solo meri dati statistici. Infatti, come stabilito da diversi studi clinici, la presenza di elevate concentrazioni di micropolveri nell’aria incide sfavorevolmente sulla qualità della vita di chi quell’aria è costretto a respirarla. Ed è ormai a un passo il negativo traguardo delle 35 giornate di sforamento nell’arco dell’anno: altro paletto posto dalle norme comunitarie, superato il quale l’amministrazione comunale sarà chiamata a prendere drastici provvedimenti antismog.

Leggi Corriere Adriatico per una settimana gratis - Clicca qui per la PROMO

© RIPRODUZIONE RISERVATA