San Benedetto, sfrecciano al casello A14 e scatta l'inseguimento: due donne e un uomo arrestati con 8 etti di eroina

San Benedetto, sfrecciano al casello A14 e scatta l'inseguimento: due donne e un uomo arrestati con 8 etti di eroina
San Benedetto, sfrecciano al casello A14 e scatta l'inseguimento: due donne e un uomo arrestati con 8 etti di eroina
2 Minuti di Lettura
Martedì 28 Maggio 2024, 15:46

SAN BENEDETTO - Vedono le divise dei poliziotti al casello dell'A14,  pagano il pedaggio e cercano velocemente di svignarsela, ma la fretta insospettisce gli agenti: arrestate tre persone, un uomo e due donne, dell’età rispettivamente di 33, 62 e 33 di nazionalità italiana residenti nell’ascolano, dopo che nella loro auto sono stati trovati 8 etti di eroina pura.

Muore a 55 anni, il cuore ancora battente prelevato e trasportato da Pesaro a Udine: «È la prima volta al San Salvatore». Ecco la scatola miracolosa

È successo durante un servizio serale fuori sede nei pressi del casello autostradale A14 Mosciano, dove i ppoliziotti del commissariato di San Benedetto notavano un’autovettura che ripartiva a folle velocità dopo aver pagato il pedaggio, effettuando una manovra azzardata. Il personale si metteva all’inseguimento del veicolo riuscendola a fermare poche centinaia di metri dopo. Vedendo gli occupanti molto nervosi il personale in servizio eseguiva una immediata perquisizione sul posto. Nel corso delle operazioni, all’interno di uno zaino occultato nella parte posteriore del veicolo, sommerso peraltro da altre borse, venivano rinvenuti numerosi ovuli di sostanza risultata essere eroina pura per un peso complessivo di quasi 800 (ottocento) grammi. Si procedeva così all’arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di eroina a carico delle tre persone. Il G.I.P. presso il Tribunale di Teramo, su richiesta della Procura della Repubblica, convalidava l’arresto dei tre soggetti applicando alla donna 62enne, con precedenti per reati contro il patrimonio, la custodia cautelare in carcere e ai due più giovani, marito e moglie incensurati, la custodia cautelare agli arresti domiciliari presso la loro abitazione a Massignano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA