San Benedetto, l’amministrazione: «Strada prevista dal Piano particolareggiato, i residenti di via Lombroso non si stupiscano»

Replica agli abitanti che protestano per l’apertura del tracciato davanti casa

San Benedetto, l’amministrazione: «Strada prevista dal Piano particolareggiato, i residenti di via Lombroso non si stupiscano»
San Benedetto, l’amministrazione: «Strada prevista dal Piano particolareggiato, i residenti di via Lombroso non si stupiscano»
di Alessandra Clementi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Maggio 2024, 02:50 - Ultimo aggiornamento: 12:24

SAN BENEDETTO - «Nessuna sorpresa. Era tutto previsto nel Piano particolareggiato di Marina di sotto». Così i tecnici comunali assieme alla compagine amministrativa hanno replicato alle accuse pervenute negli ultimi giorni da parte di alcuni residenti di via Lombroso che contestavano l’apertura della strada, sostenendo che non fosse prevista dal Piano oltre ad annunciare 200 posti auto.

Parcheggio e rotatoria

Il consiglio comunale a breve andrà ad approvare la destinazione di 30mila euro provenienti dall’avanzo di bilancio per l’acquisizione delle aree da destinare a parcheggi e rotatoria in via Lombroso, interventi propedeutici all’apertura della strada. La giunta ha già approvato la delibera con cui si andranno ad acquisire 5.600 metri quadrati di cui 600 destinati ad ospitare la rotatoria e 5mila per circa 200 parcheggi di cui una parte andrà per i residenti. A seguire si procederà con il progetto di fattibilità, una fase in cui saranno coinvolti i residenti per partecipare passo all’elaborato. Via Lombroso sarà a senso unico da nord a sud e avrà come parallela via Volta dove invece la viabilità diventerà da su a nord. «Si tratta di un’apertura- ha spiegato il dirigente del settore urbanistica Giorgio Giantomassi – che andrà a risolvere diversi problemi viari ed è un intervento coerente con il piano particolareggiato». Posizione ribadita dal consigliere di maggioranza Umberto Pasquali che ha affermato «Aprendo questa strada si tutelano i cittadini e soprattutto ci sarà un coinvolgimento dei cittadini nella fase progettuale».

Carta canta

Il direttore dell’urbanistica Gionni Tiburtini ha ripercorso l’iter che dal 2007 a oggi ha portato all’elaborazione del Piano particolareggiato destinato a realizzare una piazza nella zona di San Pio X insieme a diversi servizi e a edifici residenziali. Piano dottato nel 2014 e approvato l’anno successivo con tanto di interventi sulla viabilità e gli standard tra cui l’apertura di via Lombroso. Quindi niente di nuovo. L’ingegner Amedeo Mozzoni ha sottolineato come le aree saranno acquisite dai privati in parte gratuitamente e in parte sulla base del valore Imu. «Anche nel prossimo Piano urbano della mobilità sostenibile – ha terminato Giantomassi – emerge la necessità di creare questa soluzione di continuità su via Lombroso che andrà a risolvere diversi problemi in quella zona». Presenti all’illustrazione dell’intervento su via Lombroso anche una rappresentanza del comitato di quartiere Marina di sotto che si è detta d’accordo con tale apertura a differenza dei residenti che nei giorni scorsi avevano inviato una missiva al prefetto e al Comune manifestando tutta la propria contrarietà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA