San Benedetto, insulti e cinghiate
gara amatoriale diventa un incubo

La partita diventa un incubo
Insulti e cinghiate dagli ultras
in una gara amatoriale
SAN BENDETTO - Una domenica da incubo, una partita di calcio amatoriale macchiata da comportamenti che dovrebbero essere distanti anni luce dai campi di calci, soprattutto a quei livelli. Perché i ragazzi scesi in campo con la maglia della Real Fefo, per la finale regionale del campionato amatori, tutto si aspettavano fuorché vedere i propri parenti e amici arrivati al “Martellini” di Porto Sant’Elpidio venire aggrediti da un gruppo di tifosi al seguito di una squadra anconetana chiamata Pietralacroce 73. Invece, stando a quanto riferiscono i malcapitati calciatori, così è stato. Spinte e bottigliate a donne ed anziani genitori. E’ tutto accaduto nella serata di venerdì 7 giugno durante il match valevole come finalissima tra le squadre vincitrici dei rispettivi titoli provinciali degli Amatori.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 11 Giugno 2019, 06:15 - Ultimo aggiornamento: 10:15