San Benedetto, incassi record dai parcheggi sul lungomare

San Benedetto, incassi record dai parcheggi sul lungomare
San Benedetto, incassi record dai parcheggi sul lungomare
di Alessandra Clementi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Agosto 2022, 02:20 - Ultimo aggiornamento: 15:51

SAN BENEDETTO - Quasi 300mila euro incassati dai parcheggi del lungomare nel mese di luglio. Cifra superiore a quella dello scorso anno, ma che deve fare i conti con i rincari applicati in questa stagione su grattini e abbonamenti.

I primi dati sugli incassi di luglio pervenuti alla Multiservizi, per quanto riguarda le soste blu sul lungomare, ammontano a 283mila euro contro i 239mila dello scorso anno e questa estate a fare la differenza sarebbero proprio i rincari applicati con il bilancio di previsione. A fronte dei 183.769 euro del 2020, quando le tariffe furono dimezzate per la pandemia, e a fronte dei 248.019 euro portati a casa nel 2019, in periodo pre covid, quando ci fu un boom di incassi. Cifre che comunque fanno ben sperare su presenze e arrivi turistici, anche se la sosta sul lungomare è da sempre sintomo della presenza dei pendolari che raggiungono la Riviera la mattina per lasciare in soste l’auto fino al tramonto e sempre nel fine settimana.

Il risultato

Un risultato incoraggiante per quanto riguarda l’attività turistica era già arrivato nel mese di giugno dove, solo nei weekend erano stati incassati 116mila euro a fronte dei 60mila registrati in epoca pre covid nel 2019, visto che sia nel 2020 che 2021 giugno era rimasto sempre gratuito. In entrambi i mesi di giugno del 2019 e 2022 si è pagato solo nei fine settimana, ma quest’anno c’è stato proprio un exploit complici anche le alte temperature che hanno spinto turisti e pendolari ad affollare le spiagge. Va rilevato, inoltre, come stia prendendo sempre più piede l’impiego dell’app MyCicero per pagare la sosta attraverso il proprio cellulare. Un balzello introdotto nel 2007 con la finalità di finanziare la riqualificazione del lungomare e che poi è stato riproposto ogni anno dalle varie amministrazioni che si sono succedute.

La ripartizione

Un incasso che viene ripartito per il 52% nelle casse del Comune e per il restante 48% per la Multiservizi che gestisce le soste. Denaro che l’amministrazione, ogni anno, reinveste nel settore turistico, visto che poi il restyling del lungomare è stato sempre finanziato attraverso l’accensione di mutui. Intanto la giunta ha autorizzato la polizia municipale a presentare domanda per ottenere 22mila euro, finanziamenti previsti da un apposito decreto ministeriale che eroga contributi ai Comuni impegnati a realizzare soste riservate a donne in stato di gravidanza o a genitori con un bambino di età inferiore a due anni (i cosiddetti “stalli rosa”), così a città che abbiano realizzato nel 2021 nuovi stalli per disabili o che abbiano stabilito la gratuità della sosta sempre per i disabili. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA